Aristide Rontini, Wu Ming 2, Alessandro Martoni: il festival Wam! prende forma

Danza, teatro e incontri nel segno della differenza: Faenza è pronta a ospitare dal 21 settembre al 20 ottobre Wam!, il festival legato alle arti performative contemporanee che animerà diversi luoghi della città: dal Mic alla Casa del teatro passando per la biblioteca e il Ridotto del Masini. La rassegna, giunta alla 7^ edizione, è curata dalla compagnia Iris in collaborazione con Andrea Franzoni. «Il festival di quest’anno si interroga sulle differenze – spiegano gli organizzatori – e il programma di danza sarà molto vario, con spettacoli ironici, poetici e trasgressivi». Tra gli ospiti Aristide Rontini e i giovani artisti del progetto Dance Me, ma anche giovani del territorio. A fianco della danza, il festival ospita performance teatrali – con la compagnia Panda Project e il duo Crocco/Miele – workshop e laboratori.

Lo scrittore Wu Ming 2 sarà il 18 ottobre in biblioteca Manfrediana

In programma poi una serie di incontri: Alessandro Pontremoli per la danza (domenica 6 ottobre alla Casa del teatro, ore 18.30); Alessandro Martoni (domenica 13 ottobre al Mic, ore 16), storico dell’arte della Fondazione Cini di Venezia, che proporrà una conversazione/spettacolo sul tema della caricatura; Wu Ming 2 che rifletterà su alcune opere letterarie in chiave politica, storica e nazionale (venerdì 18 ottobre in Manfrediana, ore 18.30). L’inaugurazione della rassegna sarà sabato 21 settembre (ore 11.30 E-workafé, ore 18 Bistrò Rossini) in collaborazione con Atelier Be.

Wam! Festival sviluppa il tema delle differenze

«Si tratta di un festival che come amministrazione abbiamo sempre sostenuto – spiega l’assessore alla Cultura, Massimo Isola – e che sta crescendo, dandoci l’opportunità di vivere il contemporaneo non in forma elitaria». A supporto del festival, oltre al Comune, anche la Regione Emilia-Romagna: «Sarà la possibilità attraverso le arti di riflettere sulla nostra città – aggiunge la consigliera regionale Manuela Rontini – dando un messaggio fortissimo». «Come biblioteca – conclude la direttrice Daniela Simonini – puntiamo da alcuni anni a promuovere contenuti nuovi, legati al mondo giovanile, e ospitare uno scrittore del calibro di Wu Ming 2 va in questa direzione».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.