“La lunga strada dell’autonomia”: un incontro a Faenza sul percorso dell’associazione GRD

Presentare come la tessitura di una rete di collaborazione fra volontariato, famiglie, cooperative, istituzioni e mondo del lavoro, stia permettendo a diversi ragazzi con disabilità intellettiva  di realizzare il loro progetto per una vita autonoma ed indipendente. Questo lo scopo dell’incontro “La lunga strada per l’autonomia: cosa SI PUO’ FARE per una vita autonoma ed indipendente” che si terrà sabato 17 giugno 2017 dalle ore 9 alle ore 13 presso la sala “G. Dalle Fabbriche” della Banca di Credito Cooperativo, in via Laghi 81 a Faenza

Sabato 17 giugno l’associazione GRD presenterà i risultati del progetto SI PUO’ FARE

L’evento è organizzato dall’associazione Giovani Ragazzi Down (GRD) di Faenza, nata dalla volontà di alcune famiglie faentine di organizzarsi in gruppo per promuovere azioni concrete nel territorio e modificare i paradigmi interpretativi sulla disabilità e, al contempo, strutturare piccole risposte di servizi innovativi grazie all’autofinanziamento e alla proficua collaborazione con le Istituzioni universitarie a cui ci si è rivolti per mutuare modelli validati scientificamente. Il territorio di riferimento è quello dell’Unione della Romagna faentina, già attento ai bisogni di cura e accoglienza dei propri cittadini, anche disabili; nonostante ciò, la contrazione delle risorse pubbliche congiuntamente ad un’offerta di servizi prevalentemente finalizzati alla buona assistenza e meno proattivi sul piano educativo, ha contribuito a rendere insufficienti sul piano quantitativo e soprattutto qualitativo le risposte ai bisogni delle persone con disabilità.

La bottega della Loggetta e l’appartamento didattico “Faccio io”: occasioni di inclusione attiva nel tessuto sociale faentino

L’evento di sabato 17 giugno sarà un momento per presentare a tutti i cittadini i percorsi svolti in questi ultimi anni e primi risultati di esperienze concrete di vita, come il progetto SI PUO’ FARE, che ha offerto a 8 giovani adulti con disabilità intellettiva – Luigi, Flavia, Giovanni, Rossana, Alberto, Giulia, Claudia, Anna –la concreta opportunità di realizzare di un’inclusione attiva attraverso l’esercizio di un ruolo autentico ed efficace e non di mera “collocazione” all’interno del tessuto sociale. Esempi concreti sono da ritrovarsi ne La Bottega della Loggetta e nel progetto di vita abitativa indipendente all’interno dell’appartamento didattico “Faccio Io!”

Questi alcuni dei temi che saranno narrati ai cittadini che vorranno conoscere, dialogare ed investire idee su percorsi innovativi rivolti a coloro che ancoro troppo spesso mettiamo ai margini del nostro quotidiano.

 

Per info e informazioni

Antonia Bedronici 3384264854

grd.sipuofare@gmail.com

labottegadellaloggetta@gmail.com

inviti GRD

Rispondi