Giovani e gruppo: queste le chiavi del successo del nuovo mister Castellani (Faventia)

Con i giovani ha già dimostrato di saperci fare: ora si punta a ottenere successi anche in serie B con il Faventia Calcio a 5. La società ha scelto il nuovo allenatore dell’era post-Bottacini: i manfredi hanno infatti annunciato il perfezionamento dell’accordo con Massimiliano Castellani, tecnico che nel 2012 guidò la squadra faentina alla vittoria della Coppa Italia di Serie C e alla vittoria nei playoff di Serie C1. Un ritorno di fiamma dunque per il Faventia che trova in Massimiliano Castellani una vecchia conoscenza ma anche una guida esperta per i giovani data la lunga gavetta alla guida delle formazioni giovanili di Forlì, Derby, Virtus Forlì e Cesena e soprattutto visti gli straordinari risultati conseguiti dall’allenatore forlivese al Torneo delle Regioni 2017 con la Rappresentativa Juniores Emilia-Romagna, vice campione d’Italia dopo aver eliminato Friuli, Basilicata, Sardegna, Umbria e Sicilia. Un piazzamento che mancava dalla bacheca del Comitato Regionale da ben 35 anni.

“Il gruppo la chiave del successo”

Il nuovo mister Castellani con la Coppa Italia vinta nel 2012.

«Ho sposato fin da subito il programma del Faventia, società che conosco bene – spiega il nuovo mister – la società vuole crescere sotto tanti aspetti, specie quello del settore giovanile. Con i giovani le soddisfazioni che ho avuto sono state tante e vorrei portare la mia esperienza in questo settore anche in questa società. Inoltre mi piacerebbe portare molti giovani a giocare in prima squadra»

«Per vincere è fondamentale il gruppo, la coesione tra i giocatori – ha commentato Castellani – Questi sono ingredienti fondamentali in ogni spogliatoio. Poi viene la parte tecnica, ma il gruppo è importantissimo. L’energia che ti può dare il gruppo è il 90% di quello che è una squadra, e questo avviene in tutti gli sport. Ho allestito una rappresentativa in tre mesi e abbiamo avuto successi non tanto perché fossimo i migliori dal punto di vista tecnico ma perché avevo 12 bravi ragazzi che hanno lavorato in sintonia dal primo all’ultimo all’allenamento».

Tema mercato: non si rivoluzionerà la squadra

Non si può dunque escludere la possibilità che il mercato estivo possa portare in biancoazzurro qualche giocatore nuovo e di prospettiva considerando anche le recenti esperienze del tecnico alla guida della rappresentativa regionale juniores nel Torneo delle Regioni.

“Con Filippo (Merenda, ndr) ci sentiamo quotidianamente – ammette Castellani – e stiamo valutando alcuni giocatori, al momento è prematuro fare dei nomi ma posso dire che qualche nuovo innesto è probabile. Ci stiamo muovendo.” Per avere un quadro chiaro degli arrivi e delle partenze ci vorrà dunque ancora un po’ di tempo anche se sembra scontato che il Faventia sia più orientato a confermare in toto la rosa della passata stagione anzichè rivoluzionare completamente il roster.

Per Massimiliano Castellani contratto di un anno

Oltre alle formazioni giovanili, nel corso degli anni Castellani ha ricevuto elogi allenando le prime squadre di Cesena, Faventia e Forlì tra C1 e Serie B Nazionale con le quali ha sempre centrato piazzamenti prestigiosi a livello regionale e nazionale. Una carriera iniziata a metà degli anni Novanta, quando Castellani da calciatore professionista militò per diverso tempo tra le fila del Forlì Calcio (C2), del Meldola e della Sampierana prima di trasferirsi al Forlì Calcio a 5 con cui nel periodo tra il 1999 e il 2003 vinse un campionato di C1, una Coppa Italia e disputò alcune stagioni in Serie B. Massimiliano Castellani, si legge ancora nel comunicato, sarà presentato dopo la firma del contratto che lo legherà al club per un anno.

Rispondi