L’assessore regionale alla cultura Mezzetti dialoga coi cittadini al Museo del Risorgimento

Lunedì 23 aprile, ore 20.45, un incontro pubblico a Faenza presso il Museo del Risorgimento e dell’Età contemporanea con l’assessore regionale Mezzetti

Stasera (ndr, Lunedì 23 aprile) alle ore 20.45 presso il Museo del Risorgimento e dell’Età contemporanea di Faenza (Palazzo Laderchi, corso Garibaldi 2), si terrà un incontro dal titolo “La cultura motore dello sviluppo della Regione. Il punto sulle opportunità per il territorio della Romagna Faentina“, promosso dal Comune di Faenza e dall’Unione della Romagna Faentina, e in cui interverranno il vice sindaco e assessore alla cultura del Comune di Faenza Massimo Isola e l’assessore alla cultura della Regione Emilia Romagna Massimo Mezzetti. 

Rontini: “Fare il punto della situazione sulle strategia di promozione culturale della regione”

“L’incontro con l’Assessore Mezzetti servirà per fare il punto della situazione sulle politiche regionali per il settore, e confrontarci insieme ai partecipanti sull’idea di cultura che abbiamo per il futuro” spiega Manuela Rontini, consigliere regionale e moderatrice della serata. “In questa legislatura la Regione Emilia-Romagna ha intrapreso un grande percorso di valorizzazione del patrimonio culturale attraverso l’aumento delle risorse disponibili e la promozione delle ricchezze dei territori, anche per favorirne la conoscenza tra le nuove generazioni, in ottica turistica.”

Isola: “Creatività e cultura spazio prioritario per l’identità di Faenza”

Per il vice sindaco Isola: “si tratta di una importante opportunità per fare incontrare l’assessore Mezzetti con gli operatori culturali ed il mondo diffuso della cultura della nostra città. Faenza vive la creatività e la cultura come spazio prioritario della propria identità ed è coinvolta sulle dinamiche culturali a 360°. In questi anni la Regione ci è stata vicino ed ha contribuito in modo decisivo allo sviluppo e alla crescita culturale e civile di Faenza. Una vicinanza manifestata attraverso l’elargizione di contributi mirati e attraverso la costruzione di leggi quadro che permettono una crescita più matura e programmata delle varie linee di caratterizzazione culturale“.

Rispondi