Faenza, delitto Ilenia Fabbri: escluso il movente passionale

Ancora ombre sul delitto di Ilenia Fabbri. Nella giornata di lunedì, come riporta ANSA, è stata organizzato dagli inquirenti un vertice in Procura a Ravenna, terminato nella tarda mattinata. Lo scopo è stato quello di  fare il punto sulle indagini per la morte della 46enne faentina, trovata sgozzata verso le 6 di sabato in un vano uso cucina della sua abitazione di via Corbara a Faenza. Oltre a vari investigatori della polizia, erano presenti il procuratore capo facente funzione Daniele Barberini, il pm titolare dell’inchiesta Angela Scorza e il dirigente della squadra Mobile Claudio Cagnini. Dopo il primo sopralluogo del giorno dell’omicidio, la scientifica ha effettuato un’altra serie di rilevamenti sul luogo del delitto alla ricerca di ulteriori tracce biologiche, anche e

Delitto Ilenia Fabbri: attesi gli ultimi risultati della scientifica

“Escludiamo categoricamente il movente passionale. Tutte le altre piste rimangono in piedi“. Questo quanto precisato dal procuratore capo facente funzione di Ravenna Daniele Barberini. Infatti, il movente legato a un rapporto sentimentale della vittima è stato escluso perché dalle verifiche è emerso che la donna non aveva relazioni al di fuori della coppia. Per quanto riguarda il nuovo compagno, le cose andavano bene tra i due, tanto che secondo le amiche di lei, volevano sposarsi. Mentre in merito all’ex marito, la relazione tra i due si era definitivamente chiusa nel 2018. Anche la pista dei trascorsi problemi della coppia, come riportato da alcune testate, non ha dato seguito a riscontri concreti, in quanto tutto era stato archiviato.

Dalle partenza della figlia all’allarme lanciato dall’amica: un delitto consumato in 10 minuti

Dai primi risultati dell’autopsia su Ilenia Fabbri è stato confermata che la morte è stata causata da un profondo taglio al collo. La consulenza finale dell’esame autoptico dovrà essere implementata con eventuale compatibilità tra il profondo taglio con il coltello sequestrato dalla polizia e con la eventuale presenza di altri segni di aggressione sul cadavere. Non sono stati inoltre rinvenuti segni di effrazione e, diversamente da come indicato inizialmente, la donna non era vestita per uscire di casa, ma indossava una semplice tuta. Confrontando gli orari, il delitto di Ilenia Fabbri si è consumato in soli 10 minuti, un lasso di tempo particolarmente ristretto, sui quali gli investigatori stanno cercando di fare luce.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.