Il comunicato di 11 associazioni locali: “Condanniamo gli eventi di Brisighella e Predappio”

Il Circolo Arci Prometeo, come promotore dell’iniziativa, manda un comunicato sottoscritto da diverse associazioni per denunciare i gravi fatti successi a Predappio e Brisighella.

Alla luce dei recenti fatti accaduti a Predappio, ovvero la mancata concessione da parte del Comune di 370 euro per finanziare la visita ad Auschwitz di un ragazzo delle scuole superiori, e a Brisighella dove il 1º di novembre il Sindaco e la Giunta hanno commemorato con corone d’alloro la Cappella degli Alpini della Famiglia Broggi che contiene le tombe di 16 Caduti alpini della Divisione “Monterosa” della RSI, ovvero i fascisti, riteniamo come associazioni faentine antifasciste e antirazziste di dover condannare duramente quanto accaduto.

Quando il Sindaco di Predappio afferma che visitare Auschwitz risulta “una conoscenza della storia di parte che non può essere finanziata con soldi pubblici”, di fatto minimizza l’Olocausto e alimenta un pensiero tossico già fin troppo diffuso. La persecuzione, il razzismo, i campi di sterminio voluti dal nazismo – e fatti propri dal fascismo italiano – costituiscono una mostruosità che non può essere paragonata a null’altro. A nessuno è permesso di infangare la memoria storica: essa costituisce un valore fondante della nostra democrazia e dei principi di uguaglianza e di libertà alla base della nostra Costituzione. Il Sindaco di Predappio dovrebbe scusarsi delle sue affermazioni e rivedere il suo pensiero in vista di futuri Viaggi della Memoria.

A Brisighella, dopo quanto è accaduto, Fratelli d’Italia ha affermato spavaldamente che “in questo modo si sono voluti onorare tutti i Caduti e rispondere a quei valori di unità nazionale, libertà e amore per la Patria in cui crediamo”. Si tratta del più goffo e falso “neutralismo” a cui potevamo assistere. Rispetto per tutti i morti, ma nessuna equiparazione fra chi è caduto battendosi contro il nazifascismo, conquistando le libertà a fondamento della nostra Repubblica, e chi invece combatteva per impedirne l’affermazione.

Il Sindaco e la Giunta di Brisighella, inoltre, si sono astenuti dal commemorare l’eccidio nazista di Casale il 4 agosto scorso e in occasione di altri anniversari legati alla Lotta di liberazione si sono fatti rappresentare da un consigliere (con gonfalone), con il costo delle corone a carico dei promotori di quelle iniziative.

Davanti a episodi gravemente sintomatici di rigurgiti neofascisti, accaduti in città a noi vicine e in tutto il Paese, davanti ad una donna delle levatura morale e civile della senatrice Liliana Segre costretta a vivere sotto scorta per gli insulti e le minacce che subisce ogni giorno, rispondiamo intensificando il nostro impegno antifascista, nell’azione volta a promuovere i valori costituzionali e la memoria storica, per animare il dibattito culturale e politico sui rischi che la nostra democrazia sta correndo.”

Circolo Arci Prometeo

Anpi Faenza

Emergency Faenza

Scuola Penny Wirton Faenza

Fronte Comune

Fridays for Future

Redazione QualcosadiSinistra

Comitato per la valorizzazione e la difesa della Costituzione

Faenza Futuro

Overall 

CGIL Ravenna

Anche i Giovani Democratici a sostegno dell’appello

Anche i Giovani Democratici di Faenza hanno dichiarato il loro sostegno a questo comunicato. «Come Giovani Democratici Faenza – si legge in una loro nota –  sosteniamo l’appello delle associazioni a rimanere vigili contro ogni forma di revisionismo e negazionismo storico. Non accettiamo di rimanere succubi ad alcun tipo di provocazione.  Anche per questo rilanciamo la proposta del Partito Socialista di Forlì di porre una targa commemorativa per Matteotti lungo il viale G. Matteotti a Predappio (via obbligata per i pellegrinaggi alla tomba di Mussolini). È essenziale ricordare cosa voleva dire il fascismo: o appoggiavi le loro idee o stavi nascosto senza parlare o venivi eliminato. Ci auguriamo che questa volta il sindaco di Predappio scelga di stare dalla parte giusta».

Francesco Ghini

Vivo a Faenza e mi occupo di ricerca biomedica e comunicazione scientifica. Ho conseguito un dottorato di ricerca in Medicina Molecolare presso l'Istituto Oncologico Europeo di Milano e numerose partecipazioni a conferenze internazionali come speaker. Parallelamente, ho seguito come direttore artistico la realizzazione dell'evento Estate di San Martino a Piacenza (2012 e 2013) e ho maturato una forte esperienza nell'ambito della comunicazione e dello storytelling. Nel 2014 ho aperto Buonsenso@Faenza e da questa esperienza, nel 2018, è nata l'agenzia Buonsenso Comunicazione. Amo il teatro, i film di Cristopher Nolan, i passatelli e sono terribilmente curioso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.