Bandiere arancioni: Brisighella tra i 227 borghi eccellenti d’Italia

Anche Brisighella potrà fregiarsi, per il prossimo triennio, del titolo di Bandiera arancione, marchio distintivo di qualità turistico-ambientale destinato ai piccoli Comuni italiani. Il borgo sulle colline faentine, caratterizzato dai “tre colli” e da tante eccellenze enogastronomiche e naturalistiche, è infatti uno dei 227 Comuni a cui il Touring Club italiano ha riconosciuto, lunedì 22 gennaio 2018, il prestigioso titolo di eccellenza certificata. In tutto, in Emilia-Romagna, sono stati 20 i borghi a cui il titolo è stato assegnato, numeri che ne fanno la quarta regione italiana: Brisighella condivide la Bandiera arancione con altri Comuni della regione come Pennabilli, San Leo, Bagno di Romagna. Un riconoscimento che permette non solo di veder riconosciuta la propria unicità, ma anche di ricevere nuovi stimoli per potenziare la propria offerta turistica e la tutela del territorio.

Brisighella: natura, enogastronomia, storia

Bike a BrisighellaDall’olio ‘Brisighello’ alla Rocca veneziana passano per il Parco regionale del Carné: sono queste alcune delle eccellenze che da anni caratterizzano l’offerta turistica del borgo medievale di Brisighella. Un paese distinguibile per i suoi tre pinnacoli rocciosi, i famosi tre colli, su cui poggiano la rocca manfrediana ( sec. XIV), il santuario del Monticino (secolo XVIII), la torre detta dell’Orologio (sec. XIX). La tranquillità che regna nel borgo e nei dintorni ne fanno il luogo ideale per abbandonare ogni stress e dedicarsi alla cura di sè stessi. Un mare di verde, sentieri e scalinate gessosi, antichi luoghi di culto, case poste in strade caratteristiche capaci di creare un insieme di sensazioni e di esperienze uniche che suscitano ricordi ancestrali, lontani e vicini, di un mondo ormai scomparso da secoli.

A Genova alla presenza di oltre 160 sindaci, lunedì 22 gennaio 2018 sono stati annunciati i Comuni meritevoli della certificazione del Touring Club Italiano per il triennio 2018-2020. Grandi emozioni dunque per i borghi che hanno ricevuto la Bandiera arancione, marchio di qualità turistico-ambientale Tci, un riconoscimento meritato per l’impegno e per il lavoro quotidiano di amministratori attenti e innovativi.

Nel 2018 i 20 anni delle Bandiere arancioni Touring Club

Genova, Palazzo Ducale: I sindaci dei Comuni premiati con la Bandiera arancione.

L’iniziativa Bandiere arancioni, programma territoriale di sviluppo e valorizzazione turistica dei borghi dell’entroterra italiano, nel 2018 festeggia anche un importante traguardo: 20 anni. Il Touring, infatti, dal 1998 seleziona e certifica attraverso questo progetto i borghi eccellenti dell’entroterra Italiano. Località a “misura d’uomo” con meno di 15mila abitanti, luoghi speciali, magari ancora poco conosciuti, dove la sostenibilità ambientale, la tutela del territorio, il patrimonio artistico-culturale, la qualità dell’accoglienza si uniscono per regalare autenticità al viaggio. I Comuni candidati, inoltre, indipendentemente dall’esito dell’analisi, ricevono un importante strumento, il Piano di miglioramento, che approfondisce le aree risultate non in linea con gli standard previsti dal Touring e indica le principali azioni da attivare per perfezionare e potenziare il sistema di offerta turistica locale. L’iniziativa si è poi sviluppata a livello nazionale, in tutte le regioni. Ad ad oggi la Toscana è la Regione più arancione d’Italia (con 38 riconoscimenti), seguita da Piemonte (28) e dalle Marche (21).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.