La giustizia attraverso i classici: il 21 aprile studenti in scena al Teatro Masini

Un’occhiata ai “classici” per cercare di trovare la risposta ai problemi di oggi: da questa idea nasce “Classici contro”, un evento culturale giunto alla 9^ edizione che è organizzato da anni dalla università Ca’ Foscari di Venezia, e che quest’anno per la prima volta approda in Romagna, nella cornice del teatro Masini di Faenza. Ogni anno la manifestazione propone una parola che viene dal mondo antico, e quest’anno sarà la parola greca “Dike”, la giustizia. Su questo tema nella serata di sabato 21 aprile 2018 dalle ore 20.30 discuteranno scrittori, docenti e studenti provenienti da università e licei della provincia di Ravenna. Gli studenti del liceo Torricelli-Ballardini presenteranno “Antigone, dalla luce del mio sepolcro canto”, guidati dalla responsabile del laboratorio teatrale, Laura Sciancalepore. Sulla scena anche gli alunni del liceo Alighieri di Ravenna e del liceo Ricci Curbastro di Lugo. Al centro dunque i classici antichi, del teatro e della letteratura, motore del pensiero, in grado di attraversare i secoli e toccare tematiche universali.

Classici Contro 2018: Dike, ovvero della giustizia tra l’Olimpo e la Terra

Classici Contro nasce dal contatto inedito tra due parole: suonano un po’ come un ossimoro o un paradosso, nell’abitudine odierna di percepire i classici come un’istituzione, un punto di riferimento sicuro. E invece i classici, con un rovesciamento delle credenze e degli stereotipi, sono motore potentissimo del pensiero, ci aiutano (o ci obbligano) a metter in discussione tutto e possono contribuire a rivoluzionare la nostra visione del presente.
Soprattutto nei tempi difficili i classici mettono in gioco il loro pensiero libero, che ci permette di superare le semplificazioni e andare oltre le rigidezze dell’abitudine, per guardare al futuro con una prospettiva più ampia e con spirito critico e costruttivo.

Sulle tracce di Xenia e di Utopia (Europa), si proverà a cercare che cos’è la giustizia, a cominciare dalla parola che troviamo per la prima volta in Esiodo e in Omero… Dike, figlia di Zeus e Themis, crocevia di pensiero religioso e razionale, è teodicea, ordine e volere degli dèi, nèmesi di creature soprannaturali, punizione dei torti e ratio di un destino assegnato. Ma è anche un fatto umano, diritto scritto e amministrato nelle città, portato nei tribunali ateniesi in forma di raffinato dibattito e poi lasciato in eredità alla più salda e sistematica codificazione dei Romani, che seguiranno il loro demone per fondare il sistema tuttora alla base di molte delle nostre società.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.