Alla Torricelli un’asta per contribuire al nuovo temporary shop della ceramica

Una mostra e asta di opere d’arte, promossa e organizzata dalla Riunione Cattolica Torricelli con l’obiettivo di contribuire, tramite il ricavato, alle iniziative di Ente Ceramica Faenza, in particolare alla seconda edizione del Temporary Shop di Natale della ceramica faentina. Le oltre cinquanta opere donate dagli artisti e ceramisti saranno in mostra, presso la Riunione Cattolica Torricelli (via Castellani 25), nei giorni 17, 18 e 19 novembre 2016 (dalle 14.30 alle 18.30), con inaugurazione della mostra il 16 novembre alle 18 (a cui farà seguito un buffet conviviale). L’asta si terrà sabato 19 novembre alle ore 21, sempre alla Riunione Cattolica Torricelli.

Il ricavato finanzierà la seconda edizione del temporary shop

Anche quest’anno, infatti, i ceramisti di Ente Ceramica Faenza presenteranno insieme le loro opere in una mostra-mercato temporanea in centro storico, nel mese di dicembre 2016. Si tratta di un progetto che vuole rappresentare collettivamente l’identità ceramica faentina, che prescinde quella dei singoli artigiani, artisti e botteghe, per sottolineare proprio l’aspetto della “squadra”, dell’identità plurale dei ceramisti faentini che si presentano insieme, con la loro produzione, nel cuore della città. Il Temporary Shop di Natale della ceramica faentina sarà quest’anno nei locali in corso Mazzini 35, dal 3 al 24 dicembre 2016, con inaugurazione il 2 dicembre 2016.

Asta alla Torricelli: donazioni e ceramiche dal Mondial Tornianti

Sono 47 i donatori che hanno permesso la realizzazione dell’iniziativa, non solo ceramisti, ma anche artisti e cittadini: oltre cinquanta le opere, tra cui spiccano anche un pezzo in ceramica di Alfonso Leoni del 1973, concesso dalla vedova dell’indimenticato insegnante dell’Istituto d’Arte, una statuina in ceramica di Armando Castiglioni, un decano della ceramica faentina, e dipinti di Nevio Bedeschi, Renato Albonetti, Sergio Saviotti, Alfonso Piancastelli, Maria Grazia e Gloria Matteucci, Leno Scala, Mirna Montanari, Mariangela Montanari, Alicia Reeves, un’opera in bronzo di Felice Samorè, un’opera grafica di Pietro Lenzini, tre disegni di Danilo Melandri. Per quanto riguarda le opere in ceramica, sono presenti anche diversi pezzi realizzati dai tornianti che hanno preso parte alla 33esima edizione del Mondial Tornianti (settembre 2016), decorati e maiolicati dai maestri faentini.

Inaugurazione il 16 novembre: sul Piccolo l’inserto fotografico

Durante l’inaugurazione della mostra alla Torricelli, mercoledì 16 novembre, saranno distribuiti ai partecipanti una copia de Il Piccolo, che contiene un inserto fotografico con le opere in mostra, e un opuscolo in cui sono riportate le immagini delle opere e alcune note biografiche e informazioni sugli autori, per consentire a chi desidera partecipare all’asta di disporre di tutti i dati necessari per la scelta delle opere che interessano.

Nel 2015 donati a Ente Ceramica 3mila euro

Nel 2015 le opere messe all’asta furono vendute tutte, e 3mila Euro del ricavato furono destinati alle attività di Ente Ceramica Faenza: anche quest’anno l’asta rappresenta sia un modo per contribuire alle attività di promozione della ceramica faentina, sia un’occasione unica per accedere a opere d’arte e ceramica di grande valore a prezzi contenuti. «Anche quest’anno la Riunione Cattolica Torricelli ha risposto positivamente alla proposta di Ente Ceramica – commenta Rosalba Rafuzzi, vice presidente della Riunione. – Nel nostro Dna ci sono principi fondanti quali la ricreazione e la formazione, la socialità, la solidarietà e il servizio alla comunità: dunque questa iniziativa rientra perfettamente nella nostra mission di partecipazione alla vita pubblica della nostra città».

Massimo Isola: “Importante la dimensione sociale della ceramica”

«Ente Ceramica Faenza opera sul territorio in collaborazione con la rete delle associazioni faentine – spiega Massimo Isola, assessore alla Ceramica e presidente di Ente Ceramica Faenza – e fin dalla nostra ripartenza abbiamo trovato nella Riunione Cattolica Torricelli un partner con cui abbiamo condiviso eventi e progetti. Siamo contenti di proseguire con una collaborazione già positiva per dare a Ente Ceramica Faenza nuove possibilità di azione nella città, partendo dalla consapevolezza che la dimensione sociale del nostro lavoro è fondamentale. Con grande soddisfazione, anche quest’anno abbiamo l’occasione di mettere all’asta anche il lavoro scaturito dal Mondial Tornianti, elemento che conferisce ulteriore fascino e senso a questo evento, riportandoci ai giorni di Argillà Italia 2016 e permettendoci di distribuire sul territorio opere di grande livello realizzate dai maestri italiani e internazionali del tornio, decorati dai grandi maestri faentini».

Rispondi