Unire innovazione e creatività, presentato a Romagna Tech il Progetto Sacher

Una piattaforma cloud, federata e open source, in grado di gestire i dati relativi ai Beni Culturali disponibili su piattaforme Ict pubbliche e private, accessibilità dei dati Bbcc a diverse tipologie di utenti, integrazione di soggetti pubblici e privati che operano all’interno dell’imprenditoria sociale e Ict. Il Progetto Sacher (Smart Architecture for Cultural Heritage in Emilia-Romagna) – coordinato dall’Università di Bologna – Ciri Ict e finanziato nell’ambito del Fondo europeo regionale dell’Emilia-Romagna – è nato proprio per unire innovazione e creatività, al servizio del patrimonio culturale italiano.

La sua presentazione si è tenuta la mattina di martedì 3 luglio 2018 nella sala conferenze di Romagna Tech (Faenza, via Granarolo 62), con la coordinatrice del progetto, professoressa Rebecca Montanari del Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria – Disi dell’Alma Mater (Ciri Ict). Al centro dell’incontro anche le infrastrutture Sacher, il ruolo e le opportunità per le imprese, la strategia dei Cluster per la valorizzazione del patrimonio culturale e l’open innovation, metodologia a supporto della collaborazione tra ricerca, impresa e startup.

Un pensiero riguardo “Unire innovazione e creatività, presentato a Romagna Tech il Progetto Sacher

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.