Torna il contest musicale Materiale Resistente 2.0: scadenza il 30 agosto 2018

Dopo il successo della prima edizione che ha visto la vittoria del cantautore Giulio Wilson con il brano “Mia Bella Ciao “ e del rapper Kento per il suo progetto musicale nelle scuole del Sud legato ai temi del rap e della Resistenza, ecco il nuovo bando per brani musicali per il progetto “Materiale Resistente 2.0” dedicato all’atleta e partigiano faentino Bruno Neri a cura della Casa della Musica di Faenza. I vincitori, in collaborazione con il Mei, saranno pubblicati su una compilation on line e si esibiranno nei luoghi della Resistenza e della Memoria del Territorio Ravennate e Romagnolo quali il Museo della Resistenza di Cà di Malanca, Monte Battaglia a Casola Valsenio e al Teatro Comunale di Predappio.

Un contest rivolto ai giovani under 35 sul tema della Resistenza

Dopo il successo della prima edizione di 20 anni fa del progetto Resistenza,Italia, l’associazione Rumore di Fondo, gestore della Casa della Musica diFaenza, organizzatore di Faenza Rock e partner del Mei – Meeting delleEtichette Indipendenti, propone per celebrare i 20 anni del primo concorso, dopo il successo della prima nuova edizione l’anno scorso, una seconda edizione del concorso musicale “Materiale Resistente 2.0”, rivolto ai giovani under 35 e aperto a tutti i tipi di artisti singoli e formazioni e a tutti gli stili e generi musicali.

Il tema del concorso musicale è la narrazione della Liberazione e della Resistenza nella sua accezione più ampia e nelle sue più varie manifestazioni e soprattutto legato ai temi dell’attualità e delle nuove resistenze oggi nella societa’ globale e multietnica. Il comitato promotore invita i partecipanti a proporre un percorso musicale, attraverso la proposta di un brano inedito e originale, anche già pubblicato e scritto nell’ultimo anno, che restituisca i valori più alti emersi nella lotta di Liberazione legati ai temi di oggi, inteso anche come fenomeno storico che a livello internazionale emerge con forza e raggiunge il suo apice nel corso della Seconda guerra mondiale e puntando alla sua attualità di oggi. In questa prospettiva si invitano a partecipare tutti i giovani fino ai 35 anni sia come singoli artisti che come band che in qualsiasi altra formazione sottolineando che il concorso musicale e’ aperto a tutti igeneri, nessuno escluso, con particolare preferenze per i nuovi stili musicali delle piu’ giovani generazioni e con un’apertura anche verso le seconde generazioni per potersi confrontare con il patto di memoria che alimenta la nostra Costituzione.

I requisiti per partecipare

Destinatari del progetto sono: cantanti, cantautori, musicisti, rapper, dj, band e qualsiasi altra formazione musicale rivolta ai giovani fino ai 35 anni provenienti da tutta Italia e anche da italiani residenti all’estero. Per le formazioni non singole è sufficiente che sia presente il 50% di giovani fino ai 35 anni. Oggetto del bando è la presentazione di un brano inedito e originale legato al tema della Resistenza e della Liberazione connessa anche ai temi di oggi e all’attualità. Il brano va consegnato via mail attraverso un file elettronico (mp3 e simile) o link (wetransfer, soundcloud e simili) all’indirizzo e-mail: Associazione Rumore di Fondo presso Cinzia Magnani: cinzia@materialimusicali.it e in copia a
mei@materialimusicali.it con allegata scheda contenente nome e cognome di chi invia, formazione completa dell’artista e/o band che propone il brano, contatti postali e telefonici completi, biografia completa, testo del brano, età dell’artista e/o eta’ degli artisti della formazione e almeno una foto
entro e non oltre il 30 agosto 2018. Tutti i partecipanti saranno presentati al Mei 2018.

Il contest in onore del calciatore partigiano

Il concorso musicale, che ha come sede la città di Faenza, è dedicato alla memoria dell’atleta e partigiano faentino Bruno Neri, calciatore di Serie A nelle file del Torino e partigiano, che già nel corso dell’esperienza calcistica dimostro’ la sua contrarietà al fascismo e che dopo l’armistizio di Cassibile si arruolò tra le file della Resistenza. Vicecomandante del Battaglione Ravenna cadde in uno scontro coi nazisti, che avevano occupato l’Italia, avvenuto il 10 luglio 1944 nei pressi dell’Eremo di Gamogna.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.