A Faenza la presentazione del Master in Materiali Compositi: chimici e ingegneri 2.0

Un percorso universitario che, grazie al contributo di aziende del territorio, è in grado di preparare gli studenti al mondo del lavoro. Venerdì 17 novembre, alle ore 16, nella sala polivalente della Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza a Palazzo Naldi (in via San Giovanni Bosco, 1), si terrà la presentazione dell’edizione 2017-2018 del master di primo livello in Materiali Compositi, attivato a Faenza dal Dipartimento di Chimica Industriale “Toso Montanari” dell’Università di Bologna, col sostegno di Riba Composites (Gruppo Bucci).

Master in Materiali Compositi: nuove figure professionali per chimici e ingegneri

Nell’anno accademico 2015-2016 è partito a Faenza un nuovo Master di I Livello in Materiali Compositi (Ma.Co.F), attivato dal Dipartimento di Chimica Industriale “Toso Montanari” dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Questa iniziativa nasce nella sede di Faenza del Campus di Ravenna dall’intraprendenza e dall’attaccamento al territorio di Riba Composites (Gruppo Bucci Industries), che è il principale sostenitore e finanziatore del Master. Si tratta di un Master annuale di I livello, della durata di un anno, che può costituire uno sbocco naturale per i laureati del Curriculum Materiali Tradizionali e Innovativi del Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie per l’Ambiente e per i Materiali, anch’esso con sede a Faenza, ma che è ovviamente accessibile anche ad altri laureati, sia triennali che magistrali, che mirino a una formazione specifica nel campo dei materiali compositi, uno dei settori che in questo momento hanno probabilmente più spazio per investimenti in ricerca e sviluppo e per sorprendenti progressi tecnologici.

Il Master mira a far diventare Faenza un centro di eccellenza nel settore dei materiali compositi, collegando ancora di più la realtà produttiva avanzata del territorio alla formazione di tipo accademico. La figura professionale che il Master formerà è multidisciplinare e questo è il motivo per cui esso si rivolge a laureati sia in chimica che in ingegneria meccanica. Infatti, le attuali esperienze del settore dei materiali compositi, in particolare quelli a base polimerica, e della progettazione di parti che coinvolgono soprattutto l’utilizzo di materie plastiche, hanno fatto pensare che aumentare le conoscenze che gli ingegneri hanno della chimica di base dei materiali e, viceversa, avvicinare il modo di ragionare dei chimici a quello dei progettisti e degli ingegneri meccanici avrebbe potuto costituire un inestimabile valore aggiunto.

Prevista anche la consegna dei diplomi del Master

Nel pomeriggio è inoltre programmata la cerimonia di consegna dei diplomi del master per lo scorso anno accademico. Alla cerimonia interverranno l’assessore all’istruzione e politiche giovanili del Comune di Faenza Simona Sangiorgi, il presidente della Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza Alberto Morini, il direttore del master Daniele Nanni, il direttore della Fondazione Flaminia Antonio Penso, il vice direttore del Dipartimento di Chimica Industriale “Toso Montanari” Valerio Zanotti e il general manager di Riba Composites Andrea Bedeschi.

Rispondi