Relazioni umane per competere con Amazon: la libreria Moby Dick e il bilancio del Natale 2020

«Non batteremo mai Amazon sul suo campo, ossia la velocità di consegna, dobbiamo invece puntare su quello che ci caratterizza: il rapporto umano col lettore. Essere consigliati da un libraio anziché un algoritmo fa ancora la differenza». Si è chiuso con soddisfazione il periodo natalizio per la libreria Moby Dick di Faenza: tra le sfide della pandemia e quelle di Amazon, Chiara Menghetti, socia titolare, racconta come è andato il periodo natalizio per il mercato libraio. «Nonostante le difficoltà, anche questo è stato un Natale all’insegna del libro e non ci sono state grandi differenze rispetto alle vendite del 2019. Sicuramente c’è stata qualche problematica in più nella logistica e nella gestione degli spazi in libreria avendo ingressi contingentati, anche se i clienti sono sempre stati comprensivi».

Intervista a Chiara Menghetti

Quali iniziative avete ideato per far fronte alla pandemia?

“Già nel primo lockdown abbiamo attivato il sistema di consegna a domicilio che non si è mai fermato. È stato divertente anche vestire i panni di ‘elfi di Babbo Natale’ andando a consegnare libri regalo ai bambini direttamente nelle loro case. Visti gli ingressi contingentati, per i consigli ai lettori abbiamo utilizzato modalità alternative come messaggi whatsapp. Inoltre abbiamo sfruttato molto i canali di comunicazione social, che tengono vivo il rapporto con i lettori”.

Quali sono stati i libri più richiesti?

“Per la narrativa sicuramente ‘L’assemblea degli animali’ di Filelfo, un libro che aveva fatto molto parlare di sé uscendo a puntate in forma anonima su Robinson di Repubblica, una favola contemporanea che racconta la pandemia. Per la saggistica invece ‘La vasca del Furher’ della Dandini e il libro di Barack Obama”.

Invece per le pubblicazioni locali?

“Il libro più venduto è stato sicuramente ‘Faenza 360°’ che ha avuto una grande promozione anche sui social. Cito anche la ‘Torre di Oriolo’ di Saviotti e ‘Faenza la cava degli assassini’ di Albonetti e Randi”.

Come si può competere con il colosso Amazon?  

“Il problema, per quanto riguarda la concorrenza sleale, si è in parte ridimensionato con la legge del libro, diventata operativa a marzo, che equipara Amazon alle librerie e non gli permette più di fare sconti superiori al 5% del prezzo di copertina. Restiamo svantaggiati sulla velocità dell’ordine: Amazon ha creato aspettative di velocità di consegna con le quali non possiamo competere. Il pubblico affezionato continua a preferire però le librerie ed è sicuramente il rapporto umano quello sul quale dobbiamo puntare: qualsiasi cosa che umanizza il nostro lavoro va valorizzata e bisogna investire su questo”.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.