FAENTINI E MIGRANTI – I progetti di Bagnacavallo per 50 richiedenti asilo

Attività in biblioteca, lavori in ciclo-officina, manutenzione del verde pubblico: sono queste alcune delle attività di carattere sociale che la cooperativa sociale il Mulino ha in cantiere per gli oltre cinquanta ragazzi stranieri ospitati nei centri di prima accoglienza di Bagnacavallo. Un’iniziativa che vuole rispondere concretamente a un’esigenza di integrazione, permettendo ai rifugiati di inserirsi all’interno del territorio in cui si trovano a vivere in attesa di ricevere i loro documenti.

“Attivare questi progetti sarebbe già tanto”

A seguire i profughi, tutti uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni, nel coordinamento e nelle procedure socio-burocratiche, sono gli operatori de Il Mulino che si occupano di documentazioni, visite mediche e della preparazione delle memorie da portare in Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale. Ma forte l’esigenza di dover fare di più. «Gli ospiti dei centri – spiega un operatore – avrebbero bisogno e voglia di fare di più ma se riusciamo a inserire queste attività sarebbe già una buona cosa anche perché trattandosi in tutto e per tutto di un progetto di prima accoglienza, non sono previste risorse per costruire progetti più complessi».Per questo si aspetta con auspicio l’approvazione di un progetto di volontariato per coinvolgere i ragazzi nelle attività della cooperativa (trasporto, consegna pasti, manutenzione del verde ecc…).

Da agosto la gestione della cooperativa Il Mulino

I rifugiati, giunti in Italia principalmente dal confine nord orientale, alloggiano all’interno dell’Hotel Gemelli e in un’abitazione situata nella prima periferia della città. Ad agosto l’Hotel ha rinnovato la convenzione con la Prefettura di Ravenna e la cooperativa Il Mulino, che fa parte del consorzio Solco di Ravenna, è subentrata nella gestione che prima era in capo alla Croce Rossa. L’attività principale della cooperativa è rivolta all’inserimento lavorativo che realizza nel campo delle attività assistenziali, trasporto anziani e disabili, pulizia, gestione del verde e raccolta rifiuti.

Rispondi