Imprenditorialità straniera a Faenza, se ne parla a Prometeo

Un progetto che intende informare e confortarsi sulle tematiche della migrazione, proponendo anche incontri effettivi con le comunità coinvolte: stranieri che vivono in Italia da molto tempo e persone arrivate da poco. Lunedì 28 gennaio 2019 alle ore 20, con il terzo incontro della serie “Migrare” saranno ascoltati al circolo Arci Prometeo di Faenza (vicolo Pasolini, 6) racconti in prima persona di esperienze nel mondo del lavoro, dell’imprenditorialità e delle difficoltà di fare impresa in Italia, da stranieri.
«Proveremo ad analizzare questo fenomeno in forte crescita – spiegano dal circolo Prometeo – e cercheremo di capire come queste iniziative possano favorire l’integrazione tra le comunità straniere e italiane. Come sempre da Prometeo, l’incontro è aperto al dibattito dopo la conferenza». L’evento è in collaborazione con la Consulta delle cittadine e dei cittadini stranieri di Faenza.

I relatori

Nel corso dell’incontro interverranno: Milena Barzaglia, rappresentante associazioni di categoria; Wahid Ghribi, componente del direttivo Cgil e Fiom sezione Faenza; Bouzza Jawad, Macelleria Islamica a Faenza – Settore alimentare; Keltoum Kamal Idrissi e Fatiha Mourad, Co-fondatrici di Hijab Paradise – Settore moda; Mohamad Karim Hamed, regista e portavoce del progetto “Africa Experience”; Huang Qiying, ristorante Toki Sushi – settore alimentare.

Provincia di Ravenna: 12,2% della popolazione è composta da cittadini stranieri

Secondo quanto riportato dal Rapporto 2018 dell’Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio analizzato dal sito qualcosadisinistra.info, al 1° gennaio 2018 i cittadini stranieri residenti nella provincia di Ravenna sono 47.791, pari al 12,2% della popolazione complessiva, valore percentuale appena superiore alla media regionale del 12,1% e che pone Ravenna al quarto posto per incidenza fra le nove province emiliano-romagnole. Gli stranieri residenti nella provincia sono quasi quadruplicati in un quindicennio. In valori assoluti, nel periodo 2003-2018 la popolazione residente complessiva è cresciuta di neanche 35mila persone, mentre i residenti stranieri sono aumentati di 35.780 unità. Ciò significa che la crescita della popolazione della provincia in questi quindici anni è interamente imputabile alla componente straniera e che senza tale contributo demografico la provincia avrebbe registrato una marcata contrazione del numero di residenti.

A Faenza 10mila cittadini stranieri, l’11,9% del totale

Nel dettaglio dei distretti socio-sanitari si trovano situazioni abbastanza diversificate all’interno della provincia. Si rileva infatti un’incidenza più elevata per il distretto di Lugo (12,7%), quello di Ravenna (12,0%) e quello di Faenza (11,9%) risultano sotto la media provinciale.

Distretto maschi femmine totale % sul tot. minori
Lugo 6.327 6.750 13.077 12,7% 2.781
Faenza 5.222 5.333 10.555 11,9% 2.193
Ravenna 11.697 12.462 24.159 12% 4.333
Provincia 23.246 24.545 47.791 12,2% 9.307

Fonte: Elaborazione su dati Statistica self-service della Regione Emilia-Romagna.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.