Una web radio a Faenza e dintorni? Se ne parla a “L’Unione fa la forza”

Come potrebbe essere una web radio trasmessa a Faenza e dintorni? Quali sarebbero i programmi, le tematiche e le musiche in onda sulle sue frequenze? E cosa sogniamo per il futuro di un territorio come quello di Brisighella, ricco di natura ed eccellenze ma che spesso dimostra di avere poco appeal verso i giovani, spesso costretti a “emigrare” verso altre città per trovare nuovi stimoli? Sono queste le domande poste dai prossimi due incontri organizzati da “L’Unione fa la forza”, il progetto che si propone di coinvolgere ragazze e ragazzi fra i 16 e i 35 anni residenti nel territorio della Romagna Faentina, nell’ideazione e organizzazione di momenti per favorire la partecipazione e l’inclusione sociale, culturale e lavorativa dei loro coetanei.

Martedì 15 marzo a Solarolo si immagina una web radio

Dopo l’evento di Castel Bolognese, il primo dei nuovi appuntamenti, aperti a tutti i cittadini, avrà luogo a Solarolo martedì 15 marzo. Alle ore 20.30, presso l’Oratorio dell’Annunziata (via Foschi 5) si potrà partecipare a “Una web radio per noi! Come te la immagini?“. I presenti saranno invitati a ragionare insieme sul lancio di una web radio per i giovani dell’Unione della Romagna faentina, ovvero una radio che trasmetta in forma digitale il proprio palinsesto attraverso internet e diventi spazio di visibilità e connessione per i giovani del territorio.

Venerdì 18 a Brisighella un world cafe per sognare il futuro

La tappa successiva si terrà a Brisighella venerdì 18 marzo. Alle ore 19:30 nella sala multimediale della Biblioteca in via Pascoli, avrà luogo il world café “Sveglia! E’ tempo di sognare…”: si tratta di un momento di confronto per consentire ai giovani di proporre le loro idee e sogni da mettere in cantiere per il territorio in cui vivono. Entrambi questi eventi hanno come filo conduttore la partecipazione e l’informalità: non vogliono lasciare gli spettatori passivi ma renderli protagonisti in tutto per tutto. Nel corso delle serate i ragazzi saranno supportati da operatori della cooperativa sociale faentina RicercAzione.

Rispondi