Riapre il Teatro Goldoni di Bagnacavallo: il calendario degli spettacoli dal 19 maggio

Uno dopo l’altro i teatri romagnoli annunciano la riapertura. Anche il Teatro comunale Goldoni di Bagnacavallo riprende infatti gli spettacoli a partire dal 19 maggio, naturalmente nel rispetto di tutti i protocolli di legge per la sicurezza sanitaria. La ripresa delle attività aperte al pubblico del Teatro Goldoni interesserà il recupero degli spettacoli della stagione 2020/2021 annunciati e poi sospesi nello scorso autunno. Anche in questo caso, come per il Masini, rispetto a quanto inizialmente presentato ci sono state alcune variazioni si sono rese inevitabili dal momento che alcuni dei progetti previsti non sono oggi più disponibili. Tuttavia Accademia Perduta insieme al Comune di Bagnacavallo ha lavorato per offrire alternative ugualmente interessanti.

Rispetto delle norme e Teatro Goldoni rinnovato

Il Goldoni riapre nel pieno rispetto delle norme di sicurezza ovvero distanziamento garantito dai posti contingentati e  mascherina obbligatoria dal momento dell’ingresso, durante lo spettacolo e fino all’uscita dal teatro. Gli spettacoli avranno inizio alle 20.15 per permettere agli spettatori di rispettare il coprifuoco, ma qualora dovessero essere allentate le limitazioni di orario torneranno ad avere inizio alle 21. In questi mesi di chiusura inoltre  sono stati fatti dei lavori per sostituire le poltrone della platea.

Il programma degli spettacoli

Gaia de Laurentiis e Ugo Dighero in “Alle cinque da me”

La stagione riprende mercoledì 19 e giovedì 20 maggio alle 20.15 con lo spettacolo “Alle cinque da me” di Pierre Chesnot che vedrà sul palco Gaia de Laurentiis e Ugo Dighero, per la regia di Stefano Artissunch con le musiche della Banda Osiris. 
La commedia prodotta da Synergie Arte Teatro – Festival Teatrale di Borgio Verezzi – ArtistiAssociati racconta i disastrosi incontri sentimentali di un uomo e di una donna: lui in cerca di stabilità affettiva, lei ossessionata dal desiderio di maternità.
Protagonisti Gaia De Laurentiis che interpreta cinque donne che corteggiano un uomo ed Ugo Dighero che invece dà voce e volto a cinque uomini che corteggiano una donna. Come spesso capita nella vita, la ricerca spasmodica porta a essere poco selettivi, e così i due finiscono per accogliere in casa personaggi davvero singolari, a tratti persino paradossali. Un vero e proprio percorso ad ostacoli, che porterà i due protagonisti a cimentarsi con grande maestria nelle più svariate interpretazioni, dimostrando ognuno le proprie straordinarie capacità attoriali.

Davide Enia in “Prima riallestimento, maggio ’43”

Mercoledì 26 maggio alle 20,15 andrà in scena “Prima riallestimento, maggio ’43” di Davide Enia. Uno spettacolo prodotto da Accademia Perduta e Fondazione Sipario Toscana, “maggio ’43″ è uno spettacolo che trae linfa da una serie di interviste a persone che subirono i terribili bombardamenti palermitani del maggio 1943, e ne uscirono miracolosamente illese. Dalla loro narrazione e dai frammenti di memoria raccolti principia l’elaborazione drammaturgica, che scompone e intreccia e rielabora queste testimonianze, per poi incastonarle in un’unica storia. Erano tempi cupi, in cui necessario era ingegnarsi per riuscire a sopravvivere. Erano tempi atroci, in cui la morte cadeva inattesa dall’alto o dal basso dei mercati neri, che stritolavano con prezzi schizzati alle stelle. Erano tempi malati e
bugiardi, tempi cinici e bari. Assomigliano ad oggi.

Maria Pia Timo in “Una donna di prim’ordine”

Martedì 8 e mercoledì 9 giugno alle 20.15 andranno in scena Maria Pia Timo e Roberto Pozzi con “Una donna di prim’ordine. Guida pratica per sistemare l’armadio, il cane e il marito” per la regia di Pozzi prodotto da Spettacoli.Pro.
Il big bang della dispensa, le tante mail da smistare, la chat dell’ufficio, le chiavi da ritrovare ogni mattina, lo strazio della casa di famiglia da svuotare, le telefonate dei call center, le parecchie mail da smistare, la palestra, la chat della palestra, “…gli occhiali? Dove ho messo gli occhiali?”, lo sconquasso dei topi di appartamento, la chat dei vicini, le troppe mail da smistare, lo scompiglio dei bambini, “…lo prendi tu il latte?”, la chat delle mamme, la piscina, le lavatrici, le spam, le scadenze…. Basta! Il “logorio della vita moderna”, per citare un vecchio Carosello, ci fa desiderare un più sereno eremitaggio monacale, ci logora i nervi, il fisico e le unghie. Può un’attrice comica mettere in ordine la vostra vita? Controsensi, rimedi, teorie scientifiche e non, riflessioni, metodi giapponesi, metodi della nonna, utopie e assurdità del nostro vivere, sostegni farmacologici-omeopatici-stupefacenti… e soprattutto tante risate. Questi e altri ancora sono gli elementi portanti di un divertente e accorato a-solo per la ricerca della felicità in uno spettacolo che forse cambierà un po’ le vostre abitudini.

Alessandro Bergonzoni in “Trascendi e sali”

Lunedì 21 e martedì 22 giugno alle 20.15 salirà sul palco Alessandro Borgonzoni con “Trascendi e sali” per la regia di Riccardo Rodolfi e Alessandro Bergonzoni prodotto da Allibito – Progetti Dadaumpa. Ogni volta che arriva Bergonzoni, non sappiamo mai in quali inesplorati territori ci porterà, quali scenari comici / emotivi / poetici ci mostrerà. Trascendi e sali è uno spettacolo dove il disvelamento
segue e anticipa la sparizione, dove la comicità non segue obbligatoriamente un ritmo costante e dove a volte le radici artistiche vengono mostrate per essere subito sotterrate di nuovo. Trascendi e sali vuole essere un vettore artistico di tolleranza e pace, colmo di visioni che, magari, riusciranno a scatenare le forze positive esistenti nel nostro essere.

Gabriele Cirilli in “Mi piace…di più”

Gabriele Cirilli chiude la stagione con “Mi piace…di più” Martedì 29 e mercoledì 30 giugno alle 20.15. Lo spettacolo di Gabriele Cirilli, Maria De Luca, Giorgio Ganzerli, Gianluca Giugliarelli, per la regia di Cirilli, prodotto da Ma.Ga.Mat è uno spettacolo che si costruisce nel tempo. Si allestisce e si perfeziona, replica dopo replica, e non c’è mai una fine nella ricerca della rappresentazione perfetta, perché ogni replica è un debutto, una prova d’attore che Gabriele non disattende mai. Mi piace… di più si dipana attraverso il backup del cellulare di Gabriele. Scorrono velocemente delle immagini che danno spunto per parlare di cose, di persone, di avvenimenti, vissuti o immaginati con un ritmo veloce e piacevole. Il filo conduttore dello spettacolo è la risata, che si diffonde contagiando immancabilmente anche lo spettatore più scettico e serio.

Per informazioni

Il Teatro Goldoni è in piazza della Libertà a Bagnacavallo. Informazioni telefonare ad Accademia Perduta/Teatro Goldoni 0545 64330, mandare una mail a teatrogoldoni@accademiaperduta.it oppure consultare il sito www.accademiaperduta.it.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.