Distretto A: al via il crowdfunding per realizzare l’Art Contest Faenza-Palermo

Faenza e Palermo unite nel segno dell’arte. Urban Art Contest è un bando internazionale dedicato a street artist che, con il loro intervento, contribuiscano alla riqualificazione della città. E’ ideato, organizzato e promosso dall’associazione Distretto A – Faenza Art District. Nato nel 2011 a Faenza, e vinto nello stesso anno da Etnik, e nel 2015 dall’artista portoghese Eime, Urban Art Contest amplia nel 2018 i propri orizzonti offrendo al futuro vincitore l’opportunità di realizzare un’opera muraria a Faenza e una a Palermo, grazie alla preziosa collaborazione dell’associazione Punta Comune. I lavori saranno presentati al pubblico durante due eventi di grande richiamo: Distretto A weekend a Faenza (18.19.20 maggio) e l’opening di Manifesta 12 a Palermo (16 giugno). Tutti possono contribuire per la realizzazione del murales tramite un crowdfunding online.

Saranno realizzati da un artista internazionale due murales a Faenza e a Palermo

Il progetto, curato dall’architetto Bianca Maria Canepa, nasce con l’intento di promuovere interventi di qualità nell’ambito della street art per la valorizzazione di spazi urbani. Il vincitore di questa edizione realizzerà la propria opera murale per la valorizzazione di due ambiti urbani. Interverrà in prima battuta nel centro storico di Faenza, sulla facciata principale di un magazzino in via G.B. Mittarelli 34, ex sede del Do-centro culturale. Il secondo intervento avrà luogo nella periferia di Palermo, su una parete cieca prospiciente via M. Marine, del complesso di case popolari compreso fra via G. Bennici e via M. Adorno. Prerogativa dell’opera dovrà essere l’inserimento armonico nel contesto ed essere espressione di dialogo fra arte urbana e città.

Urban Art Contest: il crowdfunding, obiettivo 6mila euro per rigenerare spazi urbani

«Urban Art Contest sta crescendo – spiegano gli organizzatori – e non lo dimostra solo l’importante gemellaggio con Palermo. Sta aumentando l’interesse da parte degli addetti ai lavori e del pubblico, e contemporaneamente i temi della riqualificazione si stanno imponendo con forza nei processi decisionali sociali e architettonici. Diventa quindi importante ampliare la base dei sostenitori di un progetto che, come abbiamo dimostrato a Faenza, contribuisce senza dubbio a dare un volto migliore alla città, oltre che avvicinare le persone al dibattito dell’arte». Ecco perché la scelta del crowdfunding, raccolta collaborativa che punta a sensibilizzare la collettività alla donazione spontanea di denaro, per sostenere la realizzazione di interventi virtuosi legati alla cura dei beni comuni e alla qualità della vita in città. La campagna è aperta anche ad operatori economici, che possono contribuire alla causa per la riqualificazione delle aree urbane. Per informazioni sulle forme di visibilità previste per aziende, vi invitiamo a scrivere all’indirizzo info@planbee.bz.

Il contributo necessario per la realizzazione dell’opera a disposizione della società è composto complessivamente da 6mila euro suddivisi in: 4.500 euro per i materiali utilizzati per la realizzazione e organizzazione intervento; 1.500 euro per il coordinamento e la comunicazione delle attività.

«Contribuire è facilissimo – spiegano gli organizzatori – si può partecipare anche con piccolissime cifre, ricevendo in cambio sempre qualcosa di prezioso, inclusa la nostra sempiterna gratitudine. Per tutte le informazioni, le ricompense (che vanno dai 10 ai 200 euro) e la possibilita di sostenerci vi rimandiamo al link di Plan Bee, piattaforma di crowdfunding scelta per il suo specifico interesse per architettura, arte e natura».

Rispondi