Danilo Melandri, un anno dopo: la mostra ricordo a Bottega Bertaccini

Il 7 settembre dello scorso anno, 2018, se n’è andato in punta di piedi Danilo Melandri, ceramista, scultore, disegnatore, pittore. Risulta difficile definirlo con precisione, la vita e l’opera di Danilo Melandri sfuggono a facili o consolidate classificazioni, essendo stata la sua una presenza anomala nel panorama artistico faentino, fuori dalle mode e dalle conventicole. Dopo la mostra che il Mic gli dedicò nel 2006, la sua opera attende ancora di essere studiata, divulgata e valorizzata come merita, soprattutto dagli enti e dalle istituzioni locali.

La mostra inaugura sabato 7 settembre 2019

«A distanza di un anno dalla sua morte – spiegano gli organizzatori – vogliamo rendere il nostro piccolo omaggio all’amico e all’artista ospitando una serie di sue opere di pittura e grafica (olii, acquerelli, chine, matite, biro) realizzate nell’arco degli anni che vanno dal 1968 fino al 2016. Avremo in mostra anche opere del tutto inedite, a testimonianza di alcuni momenti della sua attività che non conoscevamo e che sono ai più non nota. L’inaugurazione della mostra “Anche oggi nulla di nuovo” Pittura e grafica (1968-2016) è prevista per sabato 7 settembre alle ore 18. La mostra resterà aperta fino al 12 ottobre nei seguenti orari: 9.30-12.30 / 15.30-19.30 (chiuso domenica e lunedì mattina)

A dicembre i Bestiari di 10 artisti

Ma non finisce qui. Nel mese di dicembre Bottega Bertaccini ospita la mostra collettiva “Bestiari”. Conoscendo l’amore che Danilo aveva per le rappresentazioni di animali, abbiamo chiesto a dieci artisti (Mirco Denicolò, Rita De Nigris, Armida Drei, Emidio Galassi, Monika Grycko, Kry Cristiano Marchetti, Nedo Merendi, Gianfranco Morini, Carlo Pastore, Cesare Reggiani) di raccontare la propria rivisitazione dei “bestiari” medievali, realizzando attraverso la ceramica e la pittura animali reali fantastici simbolici allegorici.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.