A Brisighella la Caritas lancia “il carrello della solidarietà”

Un’iniziativa per sostenere le famiglie in difficoltà donando parte dei prodotti acquistati durante la propria spesa. La Caritas zonale di Brisighella “Madonna del Monticino” insieme al Gruppo Cofra avvia il progetto “Il carrello della solidarietà”. «L’emergenza epidemiologica Covid 19 sembra stia lentamente rientrando, ma non è così per le emergenze sociali e per le difficoltà che incontrano, ancora oggi, tante famiglie del comune – spiegano i responsabili della Caritas – Come più volte evidenziato il periodo di lockdown è stato distruttivo per tante famiglie, che si sono rivolte ai servizi del centro di ascolto, con esigenze specifiche a cui non eravamo pronti (bimbi piccoli, anziani, ecc…). In questi mesi abbiamo fronteggiato, queste specificità grazie alle donazioni di vari benefattori, che abbiamo trasformato in spesa, di quei prodotti specifici, che raramente sono presenti nei banchi alimentari. Ci siamo però resi conto della disponibilità e del potenziale che abbiamo se riusciamo a far conoscere le esigenze delle famiglie in difficoltà all’intera comunità, per questo da sabato 8 agosto nel supermercato Cofra/Conad di via Baldina 9 a Brisighella sarà posizionato un carrello prima dell’uscita, “il carrello della solidarietà” riconoscibile da una locandina dedicata, nel quale i cittadini potranno donare beni di prima necessità non deperibili, come da nostre indicazioni in base alle esigenze specifiche che ci troveremo ad affrontare in quel periodo».

Il carrello della solidarietà sarà attivo da sabato 8 agosto al Cofra di Brisighella

I responsabili Caritas, sospendono le attività del centro di ascolto, distribuzione abiti e viveri dal 5 al 24 agosto compresi, ma proprio la partenza di questo progetto mette in evidenza che il loro lavoro non si ferma, infatti spiegano: «la ripresa delle attività di ascolto dopo il lockdown è stata molto impegnativa per tutti i volontari e abbiamo capito che era importante programmare e mettere in campo nuove proposte per la solidarietà, per cui il nostro lavoro continuerà in maniera costante, in ombra, per poter affrontare la ripresa di settembre con tante risorse. Tante volte un gesto che vale pochi euro per noi, pensiamo a un pacco di riso, a una scatoletta di tonno, ha un grande valore per altre persone. Per questo siamo sicuri che questa iniziativa sarà accolta con entusiasmo e collaborazione da parte di tutti e proprio per questo ringraziamo anticipatamente, come ringraziamo il gruppo Cofra per l’assistenza in questo progetto e per il contributo economico ricevuto». Caritas ci tiene anche a spiegare che i prodotti depositati nel carrello saranno ritirati dai volontari designati e distribuiti con i pacchi viveri in base alle esigenze, sempre in stretta collaborazione con l’assistente sociale.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.