Arena Borghesi 2020: tutti i film in programma nel segno del cinema italiano

Un viaggio nella cinematografia italiana con una ventina di titoli da vedere o riscoprire e con un importante omaggio a Federico Fellini nei cento anni dalla nascita. Come annunciato nei giorni scorsi, l’Arena Borghesi Cinema 2020 torna anche quest’anno con la rassegna Notturno Italiano, che proporrà i capolavori del cinema italiano sul grande schermo nella piazza della Molinella di Faenza messa a disposizione del Comune per consentire di donare alla città una piccola stagione di grande cinema, tutta a ingresso gratuito, che sarà insieme comunitaria e introspettiva. «Comunitaria perché potremo di nuovo, prudentemente distanziati, tornare insieme di fronte alla magia del grande schermo – spiegano gli organizzatori del cineclub Il Raggio Verde – introspettiva perché, in quello schermo, ci guarderemo allo specchio attraverso i capolavori del miglior cinema italiano del dopoguerra».

I film della rassegna 2020 dell’Arena Borghesi

Venerdì 10 luglio – Il Bidone di Federico Fellini
Sabato 11 luglio – C’eravamo tanto amati di Ettore Scola
Domenica 12 luglio – Ricomincio da tre di Massimo Troisi
Sabato 18 luglio – Profumo di donna di Dino Risi
Domenica 19 luglio –  Pane e cioccolata di Franco Brusati
Sabato 25 luglio – Roma di Federico Fellini
Domenica 26 luglio – Pasqualino Settebellezze di Lina Wertmuller
Domenica 2 agosto – Palombella rossa di Nanni Moretti
Mercoledì 4 agosto – The Observer di Rita Andreetti
Sabato 8 agosto – Miseria e nobiltà di Mario Mattoli
Domenica 9 agosto – Lo sceicco bianco di Federico Fellini
Martedì 11 agosto – Vivere, che rischio di Michele Mellara, Alessandro Rossi
Sabato 15 agosto – Il sorpasso di Dino Risi
Domenica 16 agosto – Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe de Santis
Martedì 18 agosto – Kemp – My best dance is yet to come di Edoardo Gabriellini
Sabato 22 agosto – Paisà di Roberto Rossellini
Domenica 23 agosto – Vogliamo i colonnelli di Mario Monicelli
Mercoledì 25 agosto – Felix Pedro – Se solo si potesse immaginare di Paolo Muran
Sabato 29 agosto – La grande bellezza di Paolo Sorrentino
Domenica 30 agosto – Fellini – Satyricon di Federico Fellini
Venerdì 4 settembre- Carracci – La rivoluzione silenziosa di Giulia Giapponese

Oltre ai grandi registi del cinema italiano, presenti anche alcuni documentari

1200px-Federico_Fellini_NYWTS_2
La rassegna 2020 dell’Arena omaggia Federico Fellini con diversi titoli.

Da una delle opere fondative del Neorealismo, Paisà di Rossellini, partirà un viaggio che attraverserà la stagione d’oro della nostra cinematografia, quella della “Commedia all’italiana” per approdare alle opere più significative degli ultimi anni (una per tutte: La grande bellezza di Sorrentino), viaggio che permetterà di rendere omaggio all’indimenticabile Lucia Bosè (Non c’è pace tra gli ulivi, il suo film di esordio), al centenario Alberto Sordi (Lo sceicco bianco) e Michel Piccoli (Dillinger è morto). In aggiunta c’è anche a una piccola rassegna di documentari sfiziosi, per chi ha sofferto l’annullamento della tradizionale stagione al Ridotto del Teatro Masini, che si svolgerà tutti i martedì di agosto. Un’estate autarchica e, allo stesso tempo di lusso, sotto lo sguardo ammiccante di Federico Fellini del quale si propone una scelta tra le opere forse meno iconiche ma di certo non meno importanti. La rassegna comincia venerdì 10 luglio proprio con un film di Fellini: Il bidone. «Nella speranza che l’incubo di questo virus si allontani presto e definitivamente – concludono da Il Raggio Verde – l’appuntamento è all’estate prossima, la quarantesima, nell’Arena Borghesi rinata a nuova vita».

Ingresso gratuito alle proiezioni

L’inizio delle proiezioni nel mese di luglio è alle ore 21.30; in agosto e settembre alle 21.15. La capienza massima di sedute in piazza della Molinella è di 199 posti. Il 4 agosto e il 3 settembre saranno presenti anche i registi all’arena.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.