L’Urban Center di Marradi prende nuova vita con gli studenti del liceo Torricelli-Ballardini

Fare alternanza scuola-lavoro è anche partecipare a un concorso, così come fanno gli Studi di Architettura o di Design. Ed è quello che hanno fatto le classi III del liceo “Torricelli-Ballardini” di Faenza nei mesi di dicembre e gennaio scorsi. Hanno partecipato a un concorso bandito dal Comune di Marradi per la riqualificazione dell’area del Mercato Coperto “Urban Center”. «È stata una grande opportunità poter “fare scuola” – spiegano dall’istituto – confrontandosi con una dimensione reale: andare sul luogo, fare i rilievi, fotografare, misurare, cercare i materiali, studiarne le caratteristiche, svolgere ricerche di stili e tendenze, seguire delle tempistiche inderogabili e tutto, sempre, con tanto entusiasmo. L’entusiasmo di un gruppo di studenti che ha lavorato esattamente come lavora un team di progettisti di uno Studio di Design, e c’è riuscito».

Il concorso è stato vinto da Maria Giulia Dalprato con l’opera “L’enigma diMarradi”

Quarantacinque progetti di grande interesse, ma solo uno poteva diventare la nuova pavimentazione dell’Urban Center di Marradi. È stata Maria Giulia Dalprato a vivere la grande emozione di vedere la sua idea, tanto curata nella presentazione, nelle misure, nelle indicazioni dei materiali e dei colori, realizzata. Lo ha intitolato “L’enigma diMarradi” perchè si ispira agli schemi dei giochi enigmistici Quanta emozione a soli 17 anni. Sabato sera a Marradi Maria Giulia ha vissuto un’esperienza unica: un’opera pubblica di Urban Design è nata dalla sua idea, dalle sue ricerche, dal suo studio, ma soprattutto dalla sua professionalità. Durante l’evento sono stati premiati anche gli studenti Alessandro Beltrani e Alessandro Amore della classe 4AA per un progetto di decorazione della stazione di Marradi svolto lo scorso anno.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.