Domenica 26 settembre una mattinata alla scoperta dell’orto sociale di Terra Condivisa

Accompagnare persone svantaggiate in un percorso verso l’autonomia lavorativa in un contesto di agricoltura sociale e a km0. Questo lo spirito da cui nasce il progetto “Terra Condivisa”, realizzato dall’associazione Farsi prossimo in collaborazione con Caritas diocesana sulle colline di Castel Raniero.

Per aver sviluppato in questi anni un progetto di ecologia integrale, Terra Condivisa è una delle buone pratiche indicate dalla Diocesi di Faenza-Modigliana per la Settimana sociale dei cattolici a Taranto (21-24 ottobre). E per rendere questa realtà sempre più protagonista sul territorio, è in arrivo l’edizione autunnale di Open Ort, appuntamento in cui l’equipe di Terra Condivisa ha il piacere di aggiornare tutti i suoi sostenitori sulle proprie attività.

Per questa edizione, grazie anche alla collaborazione con l’ufficio Educazione alla mondialità della Caritas, e al contributo de La Bcc Ravennate, Forlivese e Imolese, si è pensato di mostrare Terra Condivisa in una cornice ancora diversa. Domenica 26 settembre al giardino dell’ex colonia di Castel Raniero, Open Ort propone due iniziative. L’evento è su prenotazione, entro il 21 settembre, per poter rispettare i distanziamenti necessari; per accedere all’evento è necessario essere provvisti di Green pass. Per informazioni e prenotazioni: 393 9110900.

Le due proposte della mattina: passeggiate e laboratori per bambini

Per gli amanti delle passeggiate, alle 9.00 ci si ritroverà per una colazione e, a seguire, si approfondiranno le iniziative e i suoi prodotti km0; alle 10.00, passeggiata guidata dal gruppo “Adottiamo Castel Raniero” fino alle fonti di San Cristoforo (rientro previsto alle 12.30 circa); per chi invece ha voglia di relax e tranquillità, dalle 10 alle 12 può godere dello spettacolare panorama dal giardino della colonia, degustando uno sfizioso brunch, mentre i bambini potranno divertirsi con un laboratorio in compagnia dei volontari e degli operatori. La colazione e il brunch, a cura dell’Antica Pasticceria del Corso, saranno preparati in pratiche monoporzioni da consumare a offerta libera seguendo le disposizioni anti-Covid. Per l’occasione sarà presente un banchetto con i prodotti solidali di Terra Condivisa insieme ai trasformati: lo sciroppo di sambuco coi fiori di Castel Raniero, ottima base per freschi aperitivi con gli amici, o il nuovissimo pesto di spinaci, condimento per un goloso primo piatto o per rendere più fantasiosi i vostri crostini; verranno inoltre messe in vendita le nuove passate.

Un appuntamento da non perdere dedicato a chi vuole assaporare i colori e i profumi del territorio e in particolare del progetto Terra Condivisa.

 

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.