Il tango in Pinacoteca in ricordo di Gabriel Cacho Millet

La terra faentina e romagnola incontra il Sudamerica in un coinvolgente appuntamento a ritmo di tango e milonga. E’ previsto infatti per sabato 18 novembre alle ore 18 alla Pinacoteca Comunale di Faenza l’incontro dal titolo “Tango e Poesia- un viaggio letterario e musicale dalle piazze italiane alla pampa argentina”, a cura dell’associazione “Amici dell’Arte”. In questa occasione, Il maestro Aurelio Samorì eseguirà alla fisarmonica le musiche di Astor Piazzola, mentre Enrico Vagnini leggerà Dino Campana, Jorge Luis Borges e un inedito di Gabriel Cacho Millet.

Gabriel Cacho Millet è stato il più grande studioso del poeta Dino Campana

Lo spettacolo è infatti dedicato alla figura di Gabriel Cacho Millet, studioso e artista che Faenza ha ben conosciuto e apprezzato per il suo appassionato lavoro intorno all’opera di Dino Campana. Un omaggio che parte dal tango, (la musica della terra argentina di Cacho Millet) che Dino Campana ha sentito e suonato a Buenos Aires, per arrivare a letture poetiche che coinvolgono Campana, Millet e Borges al punto che lo stesso Millet arriva a desiderare di indossare il fantasma di Campana come racconta in una sua poesia che sarà letta nell’incontro.

Gli Amici dell’Arte propongono così un affascinante viaggio dal sapore latino dall’Italia all’Argentina cercando con i versi di Borges e le visioni campaniane della Pampa di Manuelita, di catturare almeno in parte quell’anima in cerca di sé che fu Chaco Millet, l’uomo che sognava di diventare un fiume che fuggendo canta.

Rispondi