Memoria, passato, fotografie: alla Molinella in scena Strip, ricordi d’infanzia

La scena è costituita da reti. Entra uno strano personaggio, vestito in modo spropositato, quasi gonfio d’abiti. È trafelato, come al solito in ritardo. Deve fare una fotografia al pubblico… scatta. Mentre attende che la foto si sviluppi, annota i nomi dei presenti. L’impacciata ricerca di una penna stilografica, (la sua non scrive), comporta la rovinosa caduta di un mucchio di fotografie fatte nel passato che iniziano a interagire con lui. E’ questo l’incipit dello spettacolo Strip, ricordi d’infanzia, che verrà portato sulla scena lunedì 25 luglio alle ore 21,15 in Piazza Nenni a Faenza dalla compagnia Stilema-Unoteatro

Strip: lo spettacolo scritto da Silvano Antonelli

La rassegna del teatro ragazzi alla Molinella di Faenza continua con Strip, ricordi d’infanzia, una pièce teatrale scritta e interpretata da Silvano Antonelli che cerca di scandagliare il tema della memoria e il suo rapporto con l’infanzia, dai ricordi quotidiani più condivisi (la scuola) a quelli più intimi (il sonno), visti con gli occhi di un “immaginario” proprio del bambino. I ricordi si collegano in un caleidoscopio a ritroso, ogni immagine è rimasta a lui appiccicata in un abito o un oggetto che evocano una situazione. La comica spoliazione prosegue, costringendo il personaggio a ritrovare poco alla volta se stesso; i segni di questo percorso resteranno aggrappati alle reti, sparsi per la scena: è il suo mondo conquistato!

Rispondi