A Schwäbisch Gmünd la mostra Gioielli Gemelli di 4 ceramiste faentine

Parte questo fine settimana la seconda fase del progetto culturale e artistico Gioielli Gemelli, il workshop italo-tedesco avviato lo scorso giugno nella gemellata città tedesca di Schwäbisch Gmünd a cui ha partecipato una delegazione di quattro ceramiste faentine. Elvira Keller, Fiorenza Pancino, Andrea Kotliarski e Cristina D’Alberto saranno infatti protagoniste con le loro opere di una mostra di gioielli e ceramica al Prediger Museum cittadino. L’inaugurazione è per sabato 7 ottobre 2017.

Le 4 ceramiste di Faenza ospiti in Germania per uno scambio culturale

L’avventura artistica tedesca delle ceramiste faentine risale alla scorsa estate, quando per una settimana sono state ospiti nei laboratori di quattro orafe tedesche per uno scambio culturale e artistico. Lì hanno creato in collaborazione con le artiste ospitanti una linea di gioielli realizzati in oro, argento e maiolica. I gioielli “gemelli” saranno ora protagonisti della mostra insieme ad altre opere ceramiche che le faentine hanno creato per l’occasione, come confezioni per contenere i gioielli e composizioni complementari.

A inaugurare la mostra saranno le autorità locali di Schwäbisch Gmünd insieme a Massimo Isola, presidente di Ente Ceramica e dell’associazione italiana Città della Ceramica (Aicc). Si tratta di un progetto importante per la città di Faenza, che può così farsi portavoce di quella identità artistica che la contraddistingue e far conoscere all’esterno la versatilità della ceramica, esaltata in questa occasione dai metalli preziosi.

Gemellaggi: in programma anche un progetto musicale

Le ceramiste saranno accompagnate nella tre giorni tedesca da Heide Wilm, responsabile del gemellaggio con Schwäbisch Gmünd per l’Associazione per i gemellaggi col Comune di Faenza e da Carla Benedetti, vicepresidente dell’Associazione e tesoriera dell’Ente Ceramica. La visita sarà anche un’occasione per l’associazione per incontrare i delegati tedeschi e discutere dei progetti futuri che coinvolgono le due città: oltre agli scambi scolastici tra le scuole delle città, si parlerà anche del progetto musicale già avviato tra la scuola di musica locale e la Sarti di Faenza.

Rispondi