Picasso e Barceló nel 2019 del Mic di Faenza

Nel 2019 il Mic di Faenza punterà ancora forte sull’aggettivo ‘internazionale’ che caratterizza il proprio nome: oltre alla mostra sull’arte precolombiana inaugurata nel novembre scorso, sarà la Spagna al centro delle prossime esposizioni grazie a due suoi artisti più significativi: Picasso e Miquel Barceló. Fino al 28 aprile prosegue infatti la mostra “Aztechi, Maya, Inca e le culture dell’antica America”. A fine maggio (la data di inaugurazione è ancora in via di definizione) il Mic ospiterà la prima antologica dedicata alla produzione in ceramica dell’artista spagnolo Miquel Barceló. Uno degli artisti spagnoli più importanti della scena contemporanea spagnola neo espressionista e gestuale degli anni ’80, Miquel Barceló comincia la sua sperimentazione con la ceramica a metà degli anni ‘90 in Africa. Trasferisce sulla ceramica il suo amore per la pittura e per le culture primitive. La mostra a cura di Irene Biolchini e Cécile Pocheau Lesteven sarà un progetto eccezionale e unico, pensato e ideato per il museo faentino dove le opere dialogheranno con la collezione permanente del museo e in particolare con la sezione dedicata alla ceramica faentina.

Picasso: la sfida della ceramica 

Il 1° novembre apre al pubblico la mostra più attesa dell’anno: “Picasso. La sfida della ceramica”, a cura di Harald Theil e Salvador Haro, con la partecipazione di Claudia Casali e Valentina Mazzotti, realizzata in collaborazione con il Musée Picasso di Parigi. La mostra prevede il prestito eccezionale di 60 pezzi unici provenienti dal museo parigino e fa parte del progetto “Picasso Mediterranée” che in due anni ha portato in Europa la realizzazione di oltre 40 eventi e oltre 100 istituzioni coinvolte. Il Mic di Faenza possiede già diverse opere del maestro, donate da Picasso stesso per contribuire alla ricostruzione della collezione contemporanea distrutta dai bombardamenti della Seconda guerra mondiale. La mostra a Faenza analizza per la prima volta le fonti di ispirazione di Picasso con i grandi classici, proprio a partire dai manufatti presenti nelle collezioni faentine.

Pablo Picasso, Le quattro stagioni, 1950, terracotta ingobbiata, dipinta e invetriata, MIC Faenza.

Nel 2018 strappati biglietti per 145mila euro

Un Mic sempre più centro attrattivo e motore di relazioni. Se le affluenze dei visitatori sono stabili rispetto all’anno passato– circa 50mila -, cresce il trend di coloro che vengono anche da molto lontano per visitare il Mic, testimoniato dall’incasso dei biglietti quasi raddoppiato in tre anni: se il 2015 si era chiuso a 80mila euro, l’anno appena trascorso ha visto staccare biglietti per 145mila euro. «Il nostro museo promuove una precisa politica culturale – sottolinea Claudia Casali, direttrice del Mic – in particolare i giovani sotto i 14 anni possono visitare le nostre collezioni in maniera gratuita, mentre sono previsti anche sconti di altro tipo per diverse categorie: tutti devono avere la possibilità di fruire dei beni culturali, e il Mic custodisce tesori unici». In tal senso, viene proposta per il 2019 la “Mic Card”, un abbonamento annuale a tutte le attività del Museo, con sconti su pubblicazioni e visite guidate.

Nella Project Room la donazione Camponi

Gli altri appuntamenti dell’anno prevedono nella Project Room, la piccola sala espositiva che il Museo riserva a progetti speciali, fino al 17 febbraio l’esposizione di 24 opere donate da Enrico Camponi. La collezione presenta una selezione di ceramiche di Vietri sul Mare appartenenti al cosiddetto “periodo tedesco” tra gli anni 20 e ’30 del Novecento, con opere di Guido Gambone, Richard Dolker, Leo Anzengruber, Elsie Dolker.

A novembre un convegno dedicato al restauro ceramico

Successivamente a partire dal 23 febbraio nella stessa sala saranno esposte le maioliche della collezione Correr restaurate del laboratorio di restauro del Mic le cui restauratrici, finalmente dopo 10 anni di attesa hanno visto la nascita e la conseguente iscrizione all’ordine nazionale dei restauratori ceramici. Il restauro realizzato grazie al sostegno di Venice in Peril, è stato lungo e complesso e a riportato a splendere 18 maioliche appartenenti ad una delle più importanti collezioni nazionali italiane di ceramiche rinascimentali di manifattura centro italiana.

L’importanza del lavoro del laboratorio di restauro del Mic culminerà il 29 novembre con un convegno dedicato al restauro ceramico, realizzato in collaborazione con Ops e Iscr, per celebrare i 40 anni di attività. Inoltre a giugno il Mic sarà presente a Torino alla conferenza internazionale sul patrimonio organizzata da ECerS, con un intervento sui temi della conservazione, in collaborazione con Istec-Crn.

Prosegue la collaborazione con il Faenza Art Ceramic Center

Sempre nella Project Room verrà ospitato poi il risultato della residenza d’artista del Faenza Art Ceramic Center, con conseguente donazione di un’opera per le collezioni contemporanee del Mic. Sul versante internazionale anche quest’anno il Mic di Faenza è stato coinvolto nella proposta di due progetti culturali finanziati dall’Unione Europea e presentati come capo progetto dal Porzellanikon di Selb, in Germania, che sono ancora in attesa di accettazione. Il primo è l’ideale proseguimento di “Ceramics and its dimensions” e ha come obiettivo il racconto delle origini del design ceramico e dello sviluppo delle principali manifatture ceramiche europee, individuare la loro peculiarità per porre le basi per una storia della produzione europea. Al progetto si aggiungerà la preziosa collaborazione dell’Isia di Faenza. Il secondo progetto organizzato insieme a partner soprattutto dell’Europa Centrale e dell’Est Europa è più dedicato alla produzione e vedrà il coinvolgimento del settore strettamente manifatturiero.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.