Gioielli Gemelli e Fuorisalone di Milano: la ceramica faentina viaggia in Italia (e oltre)

Per il quarto anno consecutivo, si rinnova la partecipazione di Ente Ceramica Faenza al Fuorisalone di Milano e alla Settimana del Design milanese, gli eventi che accompagnano il Salone Internazionale del Mobile, dal 17 al 22 aprile 2018, in collaborazione con Milano Makers (MiMa), a cura di Cesare Castelli e Maria Christina Hamel. Quest’anno c’è una novità importante: all’appuntamento ormai tradizionale all’interno della Fabbrica del Vapore (17-22 aprile 2018), con una mostra che racconta gli intrecci tra ceramica e design, si aggiunge la partecipazione a un nuovo importante progetto a Cernusco sul Naviglio, il Dim – District of Independent Makers, un distretto del design indipendente dedicato in particolare ai makers, in diversi ambiti, dal green e social design alla ceramica, dalla fotografia al gioiello, passando naturalmente per le nuove tecnologie.

Al Design Week le opere di Federica Bubani e Fiorenza Pancino

Opere di Fiorenza Pancino.

Federica Bubani e Fiorenza Pancino esporranno alcune opere in ceramica, nella sezione dedicata al tema “Arte della Tavola”, all’interno della quinta edizione di “Sharing Design”, il contenitore di eventi e appuntamenti alla Fabbrica del Vapore coordinato da Milano Makers, che da cinque anni riunisce durante la Design Week il mondo delle autoproduzioni di design. In questo contenitore, Ente Ceramica Faenza presenta così due percorsi tra arte, design e artigianato che hanno saputo declinare, in modi diversi, il tema della ceramica per la tavola.

Fiorenza Pancino (1966) presenterà una installazione artistica in ceramica con un servizio per la tavola e le sue inconfondibili torte. «Servizio per bene nasce da un progetto il cui tema era il contrasto, l’opposto – racconta l’artista di origini venete, che vive e lavora a Faenza da molti anni. – Le mie torte di Sono una brava mamma, installazione del 2003, incorniceranno poi la tavola di sogni». Come scrive il critico Jean Blanchaert, Fiorenza Pancino riesce a «rendere lo scherzo ceramico naturale, apparentemente facile e scoppiettante. Le sue narrazioni in terra cotta, colorata e ri-cotta, sono sì allegre e spiritose, ma non rinunciano mai a raccontarci qualcosa di serio». Federica Bubani (1981), proporrà invece una serie di prodotti che possono essere usati in cucina ma non solo. Ad esempio, la collezione Trull e la serie Sem, caratterizzati da colori pastello e da uno stile semplice ed essenziale, comprendono oggetti in ceramica e legno, abbinamento di materiali preferito dalla designer faentina. «Mi dedico alla ricerca dei materiali, delle forme e delle decorazioni, facendo particolare attenzione ai contrasti e alle varie combinazioni», racconta Federica Bubani, designer nata e formatasi artisticamente a Faenza.

Gioielli gemelli: le opere di 4 ceramiste faentine al Dim di Cernusco sul Naviglio

A Cernusco sul Naviglio, all’interno del Dim – District of Independent Makers (20-21-22 aprile 2018), Ente Ceramica Faenza presenterà invece il progetto Gioielli Gemelli, grazie al quale nel 2017 quattro ceramiste faentine – Cristina D’Alberto, Elvira Keller, Andrea Kotliarsky e Fiorenza Pancino – che hanno trascorso un periodo di residenza d’artista nella città tedesca di Schwäbisch Gmünd, gemellata con Faenza, realizzando gioielli in ceramica insieme a quattro orafe e designer tedesche. Nella città di Schwäbisch Gmünd, famosa fin dal 1360 quale “Città dell’Oro e dell’Argento”, ogni coppia ceramista-orafa ha infatti progettato una linea di gioielli in cui la ceramica dialoga con i metalli preziosi, unendo così le tradizioni artistiche e artigianali delle due città gemellate.

Nella cornice della storica Filanda di Cernusco sul Naviglio, all’interno della prima mostra mercato dedicata ai designer indipendenti che autoproducono accessori di moda, le quattro ceramiste faentine presenteranno i gioielli in ceramica frutto di questa residenza d’artista che ha saputo intrecciare due profonde tradizioni artigianali europee con forte sguardo al design e alle forme del contemporaneo.

Le quattro ceramiste faentine racconteranno la loro esperienza di Gioielli Gemelli alla Residenza municipale di Faenza (Sala Bigari) giovedì 19 aprile alle ore 18: la cittadinanza è invitata a partecipare.

Massimo Isola: “Opportunità di primissimo livello per la ceramica faentina”

Ceramiche di Federica Bubani.

«Con Ente Ceramica abbiamo costruito in questi anni relazioni e scambi con tante realtà a livello nazionale e internazionale – dichiara Massimo Isola, presidente di Ente Ceramica Faenza e Assessore alla Ceramica – e la presenza a Milano nella Settimana del Design si inserisce in questo percorso fondamentale di promozione e conoscenza della ceramica faentina contemporanea. Da un lato, le opere di Fiorenza Pancino e Federica Bubani alla Fabbrica del Vapore apriranno una finestra sulla grande varietà delle forme della ceramica contemporanea faentina, mostrando come, a partire da una tradizione importante, la nostra ceramica sappia dialogare con il presente e attraversare gli ambiti del design, dell’arte e dell’artigianato. Dall’altro, la presenza a Cernusco sul Naviglio di Gioielli Gemelli ci consente di raccontare lo scambio con la città tedesca di Schwäbisch Gmünd, di grande valore culturale e civico, che riveste allo stesso tempo anche forte dimensione economico-produttiva, intrecciando due eccellenze dell’artigianato artistico attorno al tema del gioiello, diventato strategico nelle nuove prospettive produttive del mondo ceramico e dell’artigianato in generale. Questa collaborazione con Milano Makers è per noi strategica: la contaminazione fra design e ceramica ha una valenza strutturale nel mercato che cambia e abbiamo bisogno di un sistema ceramico innovativo, che sappia mettersi in discussione e che si concentri sempre più non solo sul come fare ceramica, ma sul cosa fare. In questa direzione – conclude Isola, – la partecipazione al Fuorisalone diventa un’opportunità di primissimo livello: in quella settimana, a Milano graviterà il mondo del design italiano e internazionale e Faenza sarà presente raccontando due storie importanti”.

Rispondi