Periferie e sviluppo sostenibile: i giovani di Ac incontrano Sandro Calvani il 27 ottobre

Il settore giovani dell’Azione Cattolica di Faenza scalda i motori ed è pronto a partire con le sue iniziative. Con slancio ambizioso ma concreto, il gruppo che raccoglie chiunque dai 18 ai 30 anni abbia voglia e stimolo di vivere un’esperienza diocesana, presenterà le sue attività dell’anno durante una serata di presentazione domenica 27 ottobre 2019 al Centro sociale Silvio Corbari di Faenza (via Canal Grande, 46) alle ore 20.45. Per l’occasione è stato invitato a confrontarsi con i giovani il professor Sandro Calvani, eccellenza italiana nel mondo, che con la sua esperienza internazionale darà avvio al percorso biennale pensato dal settore sull’ampio, spinoso e affascinante tema delle periferie.

Sandro Calvani ha lavorato per l’Onu ed è docente di Politiche per lo sviluppo sostenibile in Asia

Calvani è attualmente docente di Politiche per lo sviluppo sostenibile presso l’Asian Institute of Technology e Webster University e consigliere speciale per la programmazione strategica presso la Mae Fah Luang Foundation – fondazione nientemeno che della famiglia reale – a Bangkok, in Thailandia. Dal 1980 al 2010 è stato direttore di vari organi delle Nazioni Unite e della Caritas in 135 paesi. Membro del World Economic Forum, ha lavorato nel Global Agenda Council on Poverty.  Specializzato in gestione delle emergenze sanitarie delle grandi popolazioni, gestione dello sviluppo e dei conflitti, si occupa con passione di innovazione, nuove economie circolari e cittadinanza attiva. Su questi e altri temi ha pubblicato 24 libri, oltre 740 articoli e 26 testi multi-autore.  Ha ricevuto diversi premi internazionali per l’eccellenza della sua attività professionale per la giustizia e la pace.

I giovani di Azione Cattolica inizieranno un percorso sulle periferie

“Una personalità di questo calibro, a suo agio sia a parlare di mondialità sia degli aspetti più intimi che abitano l’agire umano – scrive l’equipe diocesana Giovani di Azione Cattolica – appare essere il giusto protagonista per inaugurare il programma dell’anno che tratterà tutte le sfumature della parola periferie, che, come il Santo Padre insegna, possono essere urbane e materiali, come relazionali ed astratte. Le attività si svolgeranno a tappe, aperte a tutti e che saranno presentate domenica sera, e includeranno incontri, formazione e soprattutto esperienze concrete, per toccare con mano i temi trattati”.

L’incontro di presentazione al quartiere Centro Sud

“È proprio per questo che, fin dalla prima proposta – proseguono i giovani Ac – si è scelto un luogo che non fosse convenzionale, ma anzi potesse essere simbolico per il cammino che si andrà a intraprendere. Il Centro Sociale Corbari è uno dei tanti centri di quartiere presenti nelle nostre città. A volte poco conosciuti, portano avanti una tradizione di dialogo, incontro e aggregazione tanto importante quanto non scontata, soprattutto se lontani dal centro città. Per inaugurare un percorso sulle periferie nulla è più adatto di un luogo così. L’ingresso alla serata sarà libero, così come la possibilità di avere ulteriori informazioni. Noi vi aspettiamo!”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.