Un concerto di flauto traverso per chiudere la mostra “Nature InQuiete” a S.Maria dell’Angelo

Sabato 10 ottobre alle ore 18, con un concerto di flauto traverso, chiudono due importanti mostre ospitate nella cornice della chiesa di Santa Maria dell’Angelo a Faenza: Nature inquiete. Sguardi d’artista sul paesaggio che presenta opere di Luca Freschi, Takako Hirai, Giorgia Severi ed Enrico Minguzzi – un evento nato dalla collaborazione tra Museo Diocesano di Faenza, Comune di Faenza e Ufficio per la Pastorale della Cultura della Diocesi di Ravenna-Cervia – e la mostra Gli orti e le lune, opere di Maurizio Rogai, allestita nella cappella laterale della chiesa.

A esibirsi Filippo Mazzoli sabato 10 ottobre

Filippo Mazzoli, flautista ravennate, presenterà autori classici con brani per flauto solo dal 18° e 20° secolo: Georg Philipp Telemann, Anton Stamitz, Saverio Mercadante, Claude Debussy, Carl Nielsen, Jehan Alain, Johann Sebastian Bach, Siegfried Karg-Elert. Filippo Mazzoli si è laureato con lode e menzione d’onore studiando presso i conservatori di Ravenna, Bologna e Rovigo. Solista e concertista affermato, collabora come primo flauto con le orchestre del Maggio Musicale Fiorentino, del Teatro Comunale di Bologna, della Verdi di Milano. È stato diretto, solo per citarne alcuni, dai maestri Muti, Maazel, De Burgos, Bartoletti e Temirkanov. Tra i suoi partner musicali ci sono i pianisti Olaf Laneri e Denis Zardi, il quintetto di fiati Anemos, il violista Vladymir Mendelssohn e l’arpista Marta Pettoni. Ha pubblicato diverse edizioni in Germania e registrato molti cd come camerista e solista. La sua ultima pubblicazione è un recital per flauto e pianoforte con repertorio francese della Belle-Epoque edito dalla Dynamic e distribuito a livello internazionale da Naxos a partire da maggio 2020.
Sabato 10 ottobre orari speciali: le mostre saranno visitabili dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.30. Saranno presenti gli artisti.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.