Riaprire in sicurezza è possibile: l’incontro a cura di Michele Dotti con esperienze virtuose a Faenza

Un’occasione per condividere le esperienze di sanificazione degli ambienti e fare sistema per garantire una riapertura in sicurezza. Questi i temi della conferenza “Riaprire in sicurezza è possibile” promossa martedì 23 febbraio scorso da Michele Dotti, direttore di Ecofuturo, all’Istituto Oriani, con particolare focus sulla nuova frontiera della sanificazione dell’aria in continuo dal Covid-19. Dalle nuove tecnologie a ionizzazione ad altre esperienze reali e documentate che per la prima volta in Italia sono state utilizzate lungo tutta la filiera dei luoghi della quotidianità (scuole, trasporti pubblici, negozi). «Anche a Faenza queste innovazioni sono state applicate in un ampio ventaglio di settori – commenta Dotti – e vogliamo dimostrare che anche grazie a queste soluzioni non siamo costretti a scegliere tra salute e riapertura delle attività».

Scuola

Un problema di cui si parla poco è quello dell’inquinamento indoor, e su questo si è soffermato il dirigente dell’istituto Oriani Fabio Gramellini. “Già prima del Covid abbiamo avviato una riflessione per dotare la scuola di sanificatori d’aria – sottolinea – Con la pandemia, questa esigenza è diventata ineludibile. Con i fondi arrivati dal Ministero ci siamo dotati dei primi sanificatori, anche se al momento con queste risorse siamo riusciti a coprire solo le classi prime, ma la prospettiva è quella di averli in tutte le aule. Le scuole devono rimanere aperte, per garantire un futuro ai nostri studenti”.

Innovazione

Tra i relatori anche l’ex ministro Lorenzo Fioramonti, che ha indicato la necessità di trovare soluzioni che non si limitino solo al distanziamento sociale e alla chiusura delle attività. La dott.ssa Francesca Gambineri ha poi illustrato nello specifico la tecnologia a ionizzazione al plasma freddo, tecnologiache riesce ad abbattere il Coronavirus negli ambienti chiusi fino al 99,9% in mezz’ora. “Rispetto a un’azione shock di sanificazione – precisa – è sicuramente più efficace, si può svolgere in maniera continuativa garantendo la salute di quegli ambienti dove c’è un passaggio ininterrotto di persone”.

Trasporti

Proprio per questi motivi la ionizzazione al plasma freddo può fare la differenza nel settore della mobilità. “Il mondo dei trasporti è stato spesso preso come capro espiatorio nella diffusione del virus – commenta Davide Missiroli, presidente della Coop. Trasporti di Riolo Terme – Si parla molto di filtri, ma c’è grande attenzione anche al tema della sanificazione continua dell’aria, che è fondamentale per tutelare la salute di persone e lavoratori. Abbiamo avviato uno studio per valutarne l’efficacia e presentare così un report dettagliato al Ministero dei Trasporti e della Salute”.

Supermercati

«Da quando è iniziata la pandemia ci siamo chiesti come fosse possibile rassicurare alcuni clienti che erano preoccupati per le dimensioni ridotte degli spazi nel nostro punto vendita. – ha affermato Daniele Cantoni, Direttore del Supermercato Conad Arena – Quando siamo venuti a conoscenza di questa possibilità, dopo un incontro informativo con tutti i nostri soci, ci siamo trovati tutti favorevoli all’installazione di questi dispositivi che abbiamo messo non solo nel punto vendita ma anche nei reparti di lavorazione carni, ortofrutta e latticini. Ora possiamo dire che anche per quanto riguarda il personale sono tutti molto contenti perché si respira un’aria davvero differente. Se tornassimo indietro lo rifaremmo subito».

Ambito medico

«Nessuna malattia può essere considerata lieve, ma dipende dal contesto. Avere uno strumento che tolga la possibilità all’aria di essere usata come vettore, porterà risultati positivi non solo nell’immediato ma anche a lungo termine» ha spiegato il Dott. Andrea Marano, Studio Medico Marano-Medicina e sicurezza del lavoro.

Imprese e negozi

«Ho scelto di installare la tecnologia Jonix, come genitore e come imprenditore, perchè credo fortemente che Sanità, Sicurezza e Benessere siano un obbligo verso la mia famiglia e i miei collaboratori», ha detto Claudio Giurin di Biogas Italia. «Anche mia moglie Anna Gaeta, nel suo negozio EurekaKids, ha installato uno di questi sanificatori e abbiamo potuto constatarne concretamente l’efficacia quando c’è stata una persona che si è ammalata e non ha trasmesso il virus ai colleghi con i quali passava tutta la giornata a negozio.”

Cultura e spettacolo

«Come StaGe e Indies, coordinamenti di musica e spettacolo e artisti indipendenti, realizzati insieme al MEI, ribadiamo la necessità di mantenimento dei ristori per la filiera dello spettacolo e il mantenimento degli ammortizzatori social. – Giordano Sangiorgi, Organizzatore del MEI – Ma allo stesso tempo non siamo stati con le mani in mano, ma, oltre ad avere allestito gratuitamente centinaia di ore di incontri e live e manifestazioni di rilievo on line come il Rainbow Freeday e la Maratona Musicale per Zaki, abbiamo lavorato e aderito alla proposta di Protocollo Unico per la Ripartenza iniziata dal settore musica specificando che tale protocollo diventa attuabile, a tutela delle piccole realtà indipendenti che rappresentiamo, dai piccoli produttori musicali e organizzatori di eventi, esclusivamente se dalle istituzioni sarà garantito un sostegno economico per i maggiori costi che lo stesso protocollo prevederà».

Mondo ecologista

«Dentro la Exco Vr ovvero la fiera in realtà virtuale di Ecofuturo sono presenti varie aziende che fanno sanitizzazione dell’aria in continuo in maniera tecnologicamente avanzata, chiunque può visitarle e capirne il valore e le proposte del tutto sostenibili sia nei benefici che nel costo degli impianti. – afferma Fabio Roggiolani, cofondatore Ecofuturo – Nelle prime gare vediamo la corsa al massimo ribasso, non c’è cosa più dannosa, occorre equilibrio e non si risolve un problema come questo con dei giocattoli buoni solo a fare (cattivo) business». «Quello che è uscito dagli interventi di oggi, da punti di osservazione interessantissimi, è la presa di coscienza che si puó fare! Bisogna agire. – così Mina Bustreo di Jonix – Ciascuno di noi dalla propria posizione, in base al proprio ruolo, fa quello che può dove si trova. Ritengo sia inimmaginabile che le soluzioni vengano solo calate dall’alto, ognuno di noi oggi è la dimostrazione che si può agire».  «Faenza si è dimostrata un esempio e un modello di scelte coraggiose, delle migliori proposte di sanificazione in continuo in tutti gli ambienti, dalla casa, al negozio, dal trasposto pubblico, alla scuola, per contrastare in sicurezza la pandemia senza rimanerne sopraffatti», ha detto Dario De Rosa di Eless

«Le testimonianze concrete che abbiamo ascoltato oggi dimostrano che è finalmente possibile mettere in sicurezza tutta la filiera dei luoghi della quotidianità rappresentati da scuole, trasporti pubblici, supermercati, negozi, uffici, studi medici. – ha concluso Michele Dotti, co-fondatore di Ecofuturo – Questo grazie all’uso di una serie di apparecchiature per la sanificazione dell’aria in continuo frutto di ricerche avanzate; stiamo parlando in particolare della ionizzazione al plasma freddo, una tecnologia tutta italiana, una delle tante eccellenze di cui dovremmo essere orgogliosi e che vorremmo vedere diffondersi il più possibile per contribuire a frenare il virus e al contempo a riaprire in sicurezza tutte le scuole così come tutte le attività».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.