Una Rekico dai due volti cade a Civitanova Marche

Una Rekico Faenza dai due volti cade 82-70 domenica 10 novembre a Civitanova Marche, recriminando per un primo tempo negativo, in cui ha concesso troppo agli avversari. Un vero peccato, perché nella seconda parte di gara è arrivata una grande reazione che ha permesso di riaprire il match a due minuti dalla fine, quando i Raggisolaris si sono portati sotto di 7 punti. Un passo falso che dovrà essere analizzato nei minimi dettagli, perché ancora una volta la squadra in trasferta non ha mostrato continuità nei quaranta minuti. Purtroppo coach Friso ha dovuto fare a meno di Klyuchnyk, messo ko da un problema alla schiena e neanche convocato. Il pivot cercherà di recuperare in vista di domenica per il match contro i suoi ex compagni di Ozzano.

Alla fine del primo tempo il gap è di oltre 20 punti

Pronti via, e Civitanova Marche inizia a sparare da tre punti centrando quasi sempre il bersaglio. Tutti i giocatori marchigiani si esaltano dalla lunga distanza e al primo intervallo conducono 29-14 grazie a 5 triple realizzate. Cinque come le palle perse dalla Rekico parsa poco concentrata e troppo in balia degli avversari. La Rossella non cala e anche nel secondo periodo mantiene alte percentuali dall’arco, trovando anche punti nel pitturato con i fratelli Amoroso e così all’intervallo il punteggio è 56-32.

La rimonta non si concretizza

Il pesante passivo sollecita l’orgoglio della Rekico, che rientra in campo con uno spirito differente. La pressione difensiva e l’attenzione aumentano e Civitanova inizia ad andare in difficoltà, non riuscendo più a comandare i giochi. Il primo segnale di riscossa è un break che vale il 57-38, bloccato da Valerio Amoroso, che con cinque punti consecutivi riporta avanti di oltre venti punti i suoi. La voglia di riscatto è però troppo grande e grazie al gioco di squadra arriva la vera rimonta: un canestro in sottomano di Rubbini regala infatti il 66-73 a 1’59’’ dalla fine. La partita è ufficialmente riaperta, ma a chiuderla definitivamente sono i fratelli Amoroso che con un canestro da sotto e i tiri liberi, firmano l’82-70 finale.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.