Pavone d’Oro 2018: ecco i 20 finalisti

Il canto come gioco, innanzitutto, e come sfida con se stessi per regalare emozioni agli altri. Sabato 10 febbraio 2018 si sono concluse le fasi eliminatorie della 38^ edizione del Pavone d’Oro. Il concorso canoro dedicato ai minorenni quest’anno ha fatto registrare 120 cantanti in gara, fra cui, ancora una volta, un’intera classe della scuola elementare Martiri di Cefalonia. Approdano alla finalissima di sabato 17 febbraio al Teatro Masini venti concorrenti, che hanno portato sul palco dal “rap del peperoncino” alla cover di “Hallelujah”: sono queste alcune delle canzoni che hanno ottenuto il pass per la finale di uno dei concorsi canori più amati dalla città. Il Pavone D’Oro è una manifestazione canora nata da un’idea di don Italo Cavagnini, sacerdote di Faenza, noto per la sua passione per la musica e per la sua dedizione al mondo giovanile. Nel lontano 1969 don Italo volle organizzare uno spettacolo musicale, da svolgersi nel periodo di carnevale, per i giovani del comune di Faenza. Nacque così la prima edizione del Pavone d’Oro che vedeva esibirsi sul palco cantanti in erba accompagnati nelle loro esibizioni da band i cui componenti dovevano risiedere nel comune di Faenza.

Pavone d’Oro, categoria A

Questa categoria comprende i bambini fino ai 9 anni. Per quanto riguarda la categoria A, arrivano alla finale del teatro Masini Viola Liverani “Quel bulletto di Bertozzi”, Lorenzo Sansavini “Il rap del peperoncino”, Letizia Cortesi “Kyro”, Michele Bartolini “Portami a ballare”, Angelica Zinzani “Ninnaneve”, Alessia Michelotti “Batti cinque”.

Pavone d’Oro, categoria B1

In questa categoria gareggiano bambini dai 10 ai 12 anni. Rebecca Piovan “Oltre l’orizzonte”, Giada Guerrini “Gravity”, Matteo Violani e Matilde Zama “Lo sapevi prima tu”.

Pavone d’Oro, categoria B2

In questa categoria si sfidano giovani dai 13 ai 14 anni. Sofia De Santis “Thank you for the music”, Reneè Messeng “When I was your man”, Lorenzo Tronconi “Rise up”.

Pavone d’Oro, categoria C

La categoria comprende ragazzi dai 15 ai 18 anni. Giada Tripaldi “Hallelujah”, Beatrice Buonocore “Perdere l’amore”, Alice Bellini “E penso a te”, Angelica Bayaca “Million reasons”, Wilma Fatima Matsombe “Four five seconds”, Marina Violani “Dive”, Gaia Tapin “Right to be wrong”, Giulia Toschi “I giardini di marzo”.

Premi speciali

Premio Simpatia: Classe III d Martiri di Cefalonia “Grammaticanto a scuola”; Premio Critica: Serena Farolfi “If ain’t got you”; Premio Fedeltà: Erika Casadio “L’amore è un’altra cosa”.

«I nostri complimenti vanno a tutti i partecipanti della 38esima edizione che hanno calcato assieme a noi il palco! – scrivono gli organizzatori del Pavone d’Oro – Sono state tre serate con bellissime voci e tantissima energia…e non è ancora finita! Vi aspettiamo questa sera alla sala Fellini con il Pavone Rock 2018 e sabato sera con la finalissima!».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.