Faenza capitale della musica: il sostegno di Renzo Arbore e Alberto Salerno al Mei

Alberto Salerno (autore dell’immortale Io Vagabondo solo per citarne una e autore di tantissimi altri grandi successi che hanno fatto la storia della musica) sostiene il Mei di Faenza, dopo l’appello fatto da Renzo Arbore a sostegno del Coordinamento StaGe!, del Mei Faenza Capitale della Musica. Ecco la nota breve ma chiara sintetizzata che dice in “Poche righe per ribadire l’importanza del Mei, e del vostro incessante lavoro, a favore della musica indipendente italiana, mi auguro che il Governo tenga in considerazione le istanze da voi presentate. In alto i cuori e viva la musica sempre!” a firma del grande Alberto Salerno, noto anche come produttore e per avere scritto tanti altri successi come Bella da morire degli Homo Sapiens, Terra promessa di Eros Ramazzotti, Lei verrà di Mango, Donne di Zucchero Fornaciari e Io nascerò di Loretta Goggi.

La proposta di Giordano Sangiorgi, patron del Mei

«Il progetto Faenza Capitale della Musica – si legge nella nota – lanciato dal Mei e riconosciuto da tutti, che lavora alla realizzazione di un soggetto unitario nel sistema musica a Faenza per poter avere più fondi regionali, nazionali e internazionali, come fatto con i ceramisti con l’Ente Ceramica e con i Rioni con il Comitato Palio, ritiene indispensabile tale passo per il futuro della musica a Faenza, nota a livello internazionale per lo storico Mei, altrimenti il rischio è che molte realtà del settore chiudano così come ritiene indispensabile una delega specifica alla Musica (che coinvolge oltre 1000 persone a Faenza di ogni eta’ e di ogni ceto sociale) nelle mani del nuovo sindaco (come per la Ceramica e il Palio): a tali proposte hanno aderito, oltre a associazioni locali di rilievo come l’Acli, oltre 250 faentini e oltre 1.500 tra artisti e operatori provenienti da tutta Italia».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.