Casola Valsenio: il min. Lotti firma il decreto, 1 mln per il nuovo campo sportivo

Una notizia positiva chiude il 2017 a Casola Valsenio. Con una lettera ufficiale firmata dal ministro dello Sport Luca Lotti e arrivata ieri, giovedì 28 dicembre, all’attenzione del sindaco Nicola Iseppi, si rende ufficiale lo stanziamento di 1 milione di euro per la ricostruzione del campo sportivo del paese. Ora si deve attendere un passaggio di regolarità formale della Corte dei Conti ma di fatto a breve il Comune di Casola Valsenio potrà usufruire del milione e 300mila euro necessari per l’impianto, i 300 mila euro sono già stati stanziati dalla Regione, utili alla creazione del progetto e alla realizzazione dell’area sportiva.

A Casola Valsenio anche 300mila euro dalla Regione

«La notizia della firma dello stanziamento dei residui del bando ‘Sport e periferie’ che interessa anche la nostra realtà non può che essere salutata con grandissima felicità e soddisfazione. Adesso – spiega e commenta il primo cittadino casolano, Nicola Iseppi – serviranno i passaggi e i tempi tecnici per l’effettivo stanziamento ma la notizia che le risorse ci saranno è ufficiale». Nello specifico dei 9 milioni complessivi facenti parte del monte risorse a disposizione, sei sono stati quelli destinati a finanziare otto progetti in ambito nazionale, tra questi vi rientra anche quello del nuovo campo sportivo casolano. I restanti tre rimarranno invece a disposizione del Coni.

A Casola Valsenio una nuova struttura sportiva

«Ora – prosegue Iseppi – sarà possibile iniziare il percorso di progettazione definitiva che consentirà a Casola e alla nostra comunità sportiva di avere di nuovo un’area adeguata e attrezzata, stabilita in zona Furina, per poter continuare a praticare sport in sicurezza e vicino a casa. Siamo molto felici e per questo – conclude il primo cittadino – non possiamo che ringraziare in primis il ministro Lotti per aver ottemperato alle promesse fatte davanti alla comunità casolana nel febbraio scorso e a tutte le persone che in questo periodo si sono adoperate e hanno lavorato perché questo difficile e oneroso compito potesse trovare una soluzione concreta e positiva».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.