M5S Faenza: “Riqualifica stazione? Non si tratta di progetti, ma di vaghi proclami”

Nulla più che sogni: è questo quello che sostiene il Movimento 5 Stelle Faenza riguardo agli interventi urbanistici recentemente annunciati sui giornali da parte degli amministratori. Il M5S vuole «fare un pò di chiarezza» sulle notizie che stanno comparendo a proposito di nuovi investimenti e strategie per il territorio di Faenza, in particolare sulla stazione ferroviaria, delle corriere, sul sottopasso verso via Filanda e sulla sede dei Vigili del fuoco. «Stando ai giornali – scrivono i pentastellati – l’assessore Bandini annuncia la riqualificazione della zona della stazione ferroviaria, con la possibilità di portarvi la stazione delle corriere, creare un parcheggio per gli utenti (che manca da sempre), sistemare la zona dedicata alle biciclette e creare un sottopasso ciclo pedonale, o un prolungamento di quello esistente che va ai binari, per collegare via Filanda e, magari, dare nuova vita al parcheggio, ora chiuso, nell’area dell’ex Conad Filanda».

«Anche l’assessore Piroddi – prosegue la nota – si esprime in questa direzione e il sindaco sostiene che la nuova progettazione sarà portata a termine entro la legislatura, a parziale beneficio dell’Amministrazione che succederà alla sua. L’assessore Bandini riporta anche cifre, dicendo che il sottopasso avrà un costo di circa un milione di euro e con il milione e mezzo messo a disposizione da un bando regionale sulla ristrutturazione-modernizzazione di aree pubbliche legate alla mobilità sostenibile si finanzierebbe gran parte dell’operazione».

Nulla di concreto presentato in consiglio comunale

Non si tratta di progetti, ma di semplici proclami, affermano gli esponenti dei 5 Stelle. «Siamo molto interessati a questi interventi – prosegue il comunicato – tant’è che nel 2015 il programma elettorale del M5S prevedeva l’unificazione delle due stazioni, la creazione di un parcheggio vero per gli utenti, la sistemazione di tutta l’area della stazione ferroviaria e il collegamento con via Filanda. Ma al momento più che di progetti si tratta di proclami: nulla è stato presentato in consiglio comunale o alle Commissioni competenti, non vi è nessun progetto presentato a Rfi e le cifre annunciate ci sembrano decisamente sottodimensionate rispetto al progetto».

Si ignora, inoltre, che a causa delle nuove normative per la sicurezza, le stazioni saranno fruibili con accesso ai binari solo ai passeggeri con ticket, badge o titolo di viaggio, chiudendo la possibilità di prolungare l’attuale sottopasso per uso ciclo pedonale a favore della città con il solo intento di superare le barriere dei binari. Non hanno mai neppure provveduto a illuminare il parcheggio coperto delle biciclette, richiesto dagli utenti fin dal 2013, davvero possiamo credere alle “grandi opere”? Anche il progetto della nuova sede dei Vigili del fuoco pare un sogno inattuabile».

M5S Faenza: “Si tratta solo di sogni inattuabili”

«Come per l’asfaltatura delle strade o la ristrutturazione di edifici di proprietà Comunale chiediamo di evitare di fare solo annunci propagandistici – conclude la nota a stampa – La messa in sicurezza della circonvallazione è rinviata; la cifra stanziata per l’asfaltatura consentirà, ai costi che attualmente paga l’amministrazione, di realizzare pochi chilometri. Non ci sono fondi né per interventi sulle Case Caldesi né tantomeno per la Chiesa dei Servi. Quando si amministra da 8 anni, si dovrebbero presentare alla cittadinanza progetti concreti e realizzabili, evitando di pubblicizzare sempre e solo “sogni”. Si veda il caso della realizzazione dello Scalo Merci: quando abbiamo snocciolato tutte le ragioni per cui non è affatto credibile che sarà mai realizzato, il sindaco Giovanni Malpezzi ha chiosato: “ci volete impedire anche di sognare!».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.