Cultura impresa festival: dopo Faenza a dicembre sarà a Forlì

Dopo la tappa faentina di fine ottobre, Cultura impresa festival si trasferirà nel prossimo dicembre a Forlì per continuare il dibattito. E’ passata poco più di una settimana dalla due giorni faentina di Cultura Impresa Festival, la manifestazione dedicata al mondo dell’impresa culturale nata da un’idea della cooperativa Cultura Popolare e promossa a livello nazionale da Federcultura – Confcooperative. «Anche in questa terza edizione possiamo ritenerci soddisfatti della risposta che il mondo culturale ha dato a questa iniziativa – sottolineano gli organizzatori -. Sono stati due giorni ricchi di dibattiti, workshop ed eventi durante i quali non solo si sono approfonditi i temi che avevamo lanciato con il programma, ma sono nati nuovi spunti per future riflessioni».

Cultura impresa festival: gli ospiti dell’edizione 2016

Prima di approdare a Faenza il Festival ha viaggiato per l’Italia fermandosi a Mamoiada (Sardegna), Milano e Udine, e il 28 e il 29 ottobre al Ridotto del Teatro Masini ha ospitato professionisti del settore culturale a 360°, docenti universitari e rappresentanti di imprese provenienti da tutta la Penisola (Sicilia, Sardegna, Lazio, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Toscana, Lombardia) a conferma della rilevanza nazionale che questo evento ha raggiunto. Oltre ai workshop e alle tavole rotonde durante le quali si è parlato molto di politiche culturali in Italia e all’estero e che hanno visto la partecipazioni di alcuni ospiti d’eccezione (tra i quali Maurizio Gardini, presidente nazionale di Confcooperative, lo scrittore Maurizio Maggiani, già vincitore dei premi Strega e Campiello, Ruggero Sintoni, condirettore artistico di Accademia Perduta , Matteo Ragnacci, presidente dell’Alleanza Cooperative Italiane Giovani e Paolo Ricotti, presidente di Plef), il Festival non ha perso di vista il forte legame con la città di Faenza come hanno dimostrato gli eventi “Faenza si racconta e “Con la cultura non si mangia”, organizzati al Museo Carlo Zauli e all’Osteria della Sghisa, importanti spazi culturali della città manfreda.

Rispondi