Ci ha lasciato mons. Roberto Brunato, sacerdote vicino a tutti

Nelle prima ore di oggi, martedì 27 novembre, si è spento all’età di 79 anni Mons. Roberto Brunato. Ordinato presbitero il 20 aprile del 1969, Mons. Roberto Brunato, nel corso dei suoi 49 anni di servizio sacerdotale ha ricoperto vari incarichi diocesani, fra i quali Vicario generale della diocesi, parroco di diverse parrocchie, Rettore del Seminario diocesano e incaricato per la pastorale familiare.

Mons. Roberto Brunato era un sacerdote vicino e attento a coloro che gli si accostavano. Con il suo stile calmo e pacato è stato punto di riferimento per le famiglie in diocesi, per i seminaristi e per i gruppi di giovani, fra cui studenti, Scouts e Azione Cattolica.

Le esequie si terranno giovedì 19 novembre alle 10.30 in Cattedrale a Faenza. Il rosario sarà mercoledì 28 novembre alle 20.30 in seminario. Sarà tumulato a Resana, suo paese d’origine.

Chi era mons. Roberto Brunato

Mons. Roberto Brunato era nato il 12 maggio 1939 a S. Marco di Resana (Treviso). Ha compiuto gli studi superiori e teologici nel Seminario di Faenza dove è stato incardinato con l’ordinazione presbiterale avvenuta il 20 aprile 1969. Licenziato in teologia presso l’università “Angelicum” di Roma, ha insegnato presso l’Istituto Tecnico Oriani di Faenza per 21 anni. Dopo l’Ordinazione è stato Cappellano a S. Maria Vecchia per 6 mesi nel 1969, indi è nominato Vicario cooperatore della parrocchia di S. Antonino in Faenza e dal 1 novembre 1972 arciprete a S. Lucia nelle Spianate fino al 5 febbraio 1976.

Il ruolo di rettore del seminario e parroco della Cattedrale

Lasciata la parrocchia si trasferisce nel seminario diocesano dove svolge l’incarico di direttore spirituale per i seminaristi più piccoli e contemporaneamente quello di assistente diocesano dell’Azione Cattolica. Nel 1980 diventa direttore dell’ufficio missionario di Curia. Nel 1985 viene nominato parroco di san Terenzio in cattedrale e canonico del capitolo e Massaro dell’Arciconfraternita della B. V. delle Grazie. Rettore del seminario diocesano dal 1995 (fino al 2015) è nominato Cappellano d’onore di Sua Santità dal Vescovo Francesco Tarcisio Bertozzi. Mons. Italo Castellani lo nomina amministratore parrocchiale di S. Andrea in Panigale (1998) e di S. Giovanni Battista in Pieve Cesato l’8 gennaio 2001. Il 29 maggio 2003 lo nomina parroco in solido non moderatore della parrocchia di San Savino in città. Per diversi anni è stato delegato per la vita consacrata (1998-2001), e dal 1989 assistente della Consulta delle aggregazioni laicali e dal 1997 delegato del Centro diocesano per la pastorale familiare. Membro di diritto dei Consigli Presbiterale e Pastorale. Il 29 Giugno 2005 è nominato Vicario Generale della Diocesi servizio che ricopre fino al 9 marzo 2016, diventando membro di diritto del Consiglio Presbiterale diocesano e del Consiglio pastorale diocesano. Il 27 marzo 2007 viene nominato amministratore parrocchiale di S. Pietro in Biancanigo, incarico che ricopre fino al 10 novembre. Dal 13 giugno 2015 viene incaricato del servizio pastorale e della legale rappresentanza nella parrocchia di san Pier Damiano in S.Maria ad Nives in Faenza.

 

Francesco Ghini

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.