La lettera del missionario brisighellese Padre Giovanni Querzani in memoria di Luca Attanasio

La morte di Luca Attanasio ha sconvolto tutta l’Italia nelle ultime ore. Non solo per la drammaticità dell’evento, l’efferatezza con il quale è stato prima sequestrato e poi ammazzato, ma anche per come questi accadimenti ci riportano con la mente all’Africa, ai suoi problemi e alla nostra indifferenza verso una paese di cui ci dimentichiamo facilmente. Dietro il volto del 43enne Luca, uomo, professionista, marito e padre si cela il volto di una persona che ha fatto della sua passione un lavoro e del suo lavoro una missione, fino al sacrificio. Luca, originario di Limbiate, lascia moglie e tre figlie piccole.

Proprio sabato scorso, il 20 febbraio, Luca Attanasio era stato in visita a Padre Giovanni Querzani, missionario originario di Brisighella. A seguito della notizia della morte dell’ambasciatore, Padre Giovanni ha scritto una lettera che riportiamo di seguito. Crediamo questo possa essere il modo più corretto per onorare la sua perdita.

Lettera di Padre Giovanni Querzani alla notizia della morte di Luca Attanasio

Cari Amici,
quando oggi sono tornato a casa (la Casa regionale dei Missionari Saveriani a Bukavu), alle due del pomeriggio dopo la mattinata trascorsa tra i bambini del nostro Centro Tupendane a Kadutu, mi è stata comunicata la notizia dell’uccisione a Goma del nostro Ambasciatore Luca Attanasio. Una notizia sconcertante che mi ha profondamente rattristato. Per noi era veramente una persona meravigliosa, molto sensibile e molto impegnata che apprezzavamo tantissimo. 

Sabato 20 febbraio era arrivato nel tardo pomeriggio nella nostra Casa Regionale dove era programmato un incontro con gli italiani residenti a Bukavu, quasi tutti missionari. E’ stato un bell’incontro molto cordiale e interessante nel quale, come al solito, era emersa la sua attitudine di “vicinanza” per tutti noi e la sua grande sensibilità umana. Ha cenato e trascorso la notte qui in casa nostra dove si sentiva totalmente a suo agio e domenica mattina, prima di proseguire il suo viaggio per Goma ha partecipato alla santa Messa nella nostra cappella.
Nella mattinata di oggi, secondo il programma stabilito, si stava recando in una località situata in una zona a nord di Goma allo scopo di visitare e incentivare un progetto del PAM (Programma Alimentare Mondiale della FAO). Stava attraversando il Parco Nazionale della Virunga, quando il convoglio è stato improvvisamente attaccato da uomini armati che hanno sparato sul veicolo dell’ONU sul quale viaggiava l’Ambasciatore uccidendo di colpo l’autista congolese. I componenti del convoglio sono stati presi e portati via. Il movente dell’agguato era con molta probabilità il rapimento allo scopo di ottenere in seguito un lauto riscatto. Centinaia di persone in quella zona particolarmente infestata soprattutto da tre micidiali gruppi armati “fuori controllo” sono state rapite nel corso di questi ultimi anni a questo scopo.
Quando le Eco-Gardes (Poliziotti guardiani) del Parco nazionale,attirati dagli spari, sono intervenuti e si sono messi alla caccia dei rapitori, è a questo punto che sono stati ammazzati l’Ambasciatore e il carabiniere che gli faceva da scorta, mentre gli altri prigionieri sono riusciti a scappare rimanendo incolumi.

Le salme delle vittime di questo ignobile agguato sono state portate a Goma. Anche se la dinamica di questo tragico avvenimento non è ancora del tutto chiara, questi sono i dettagli finora emersi. Questa notizia così inattesa ci ha sconvolto e rattristato tutti. Questo giovane ambasciatore si era distinto per la sua grande sensibilità umana e il suo attivismo umanitario. Durante la visita effettuata anno scorso a qui a Bukavu era venuto con la moglie a visitare il nostro Centro di Assistenza dei bambini vulnerabili a Kadutu. Era rimasto molto colpito e ci aveva manifestato una grande simpatia.
Sabato scorso al suo arrivo, appena mi ha visto, mi ha salutato con grande benevolenza e mi ha chiesto dei nostri bambini. Anche lui era padre affettuoso di tre graziosissime bambine.

Al di là del grande rammarico che proviamo per la sua scomparsa, ci rimarrà un ricordo meraviglioso di questo Ambasciatore “speciale”, uomo luminoso, entusiasta e attivo che nel suo ruolo diplomatico, oltre a distinguersi per una reale vicinanza a noi italiani, operava anche con sincero impegno per il bene del Congo e dei Congolesi.

P.Giovanni Querzani

Bukavu – R.D.Congo

Francesco Ghini

Vivo a Faenza e mi occupo di ricerca biomedica e comunicazione scientifica. Ho conseguito un dottorato di ricerca in Medicina Molecolare presso l'Istituto Oncologico Europeo di Milano e numerose partecipazioni a conferenze internazionali come speaker. Parallelamente, ho seguito come direttore artistico la realizzazione dell'evento Estate di San Martino a Piacenza (2012 e 2013) e ho maturato una forte esperienza nell'ambito della comunicazione e dello storytelling. Nel 2014 ho aperto Buonsenso@Faenza e da questa esperienza, nel 2018, è nata l'agenzia Buonsenso Comunicazione. Amo il teatro, i film di Cristopher Nolan, i passatelli e sono terribilmente curioso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.