“Lotteria solidale”: l’iniziativa che lega Gruppo Disabilità Faenza e i musei della ceramica

Fare squadra tra il mondo del sociale e quello dell’arte per sostenere 205 famiglie del territorio con bambini e ragazzi con disabilità: da questa unione nasce la lotteria solidale “L’arte di essere unici”, a sostegno del Gruppo Disabilità Faenza, partita il 3 dicembre e che si concluderà con l’estrazione dei premi il 26 gennaio 2021 al Mic di Faenza. Acquistando con 10 euro un biglietto della lotteria, sarà possibile appoggiare un mondo che ogni giorno lavora silenziosamente per accendere un faro e riflettere sui tanti ostacoli che ancora impediscono la piena inclusione delle persone con disabilità di vario tipo.

Estrazione della lotteria il 26 gennaio 2021 al Mic

Il ricavato sarà devoluto al progetto “Insieme possiamo fare di più” promosso proprio dal Gruppo Disabilità, rete che riunisce cinque associazioni del territorio: Anffas Faenza, Autismo Faenza, A mani Libere, Anmic Sistareinsieme e Genitori Ragazzi con Disabilità. Sarà così dato aiuto economico concreto a famiglie con bambini e ragazzi con disabilità intellettiva e cognitiva e persone con disagio psichico e fragilità emotiva, finanziando le terapie di cui hanno bisogno per lo sviluppo delle loro autonomie e facilitare la loro inclusione sociale. Per superare le restrizioni dovute al Covid-19 i biglietti sono acquistabili online sul sito web www.gruppodisabilitafaenza.it oppure in diversi negozi della città: l’elenco degli esercenti sarà pubblicato sempre nello stesso sito.

I premi – opere di Melandri, Zauli e Tramonti – donati dai musei ceramici faentini

L’obiettivo che il Gruppo Disabilità si è posto è ambizioso: la vendita di 5mila biglietti, e il mondo della cultura è stato ritenuto quello giusto per promuovere la lotteria. «Lo strumento più importante per abbattere le barriere tra le persone è la cultura, che aiuta ad aprire la mente – spiegano Letizia Ranzi e Nives Baldoni, portavoci del Gruppo Disabilità -Ci siamo ispirati al volto sociale, creativo, rigenerante e terapeutico che il mondo dell’arte dona di per sé alle persone e in particolare alle persone con disabilità». Il ruolo del mondo dell’arte e della ceramica faentina è infatti stato fondamentale nel promuovere questa iniziativa: il Mic, il Museo Carlo Zauli e il Museo Guerrino Tramonti, con il supporto de La Bcc, hanno messo a disposizione i tre prestigiosi premi della lotteria, tre piatti in ceramica di Pietro Melandri (1° premio), Carlo Zauli (2° premio) e Guerrino Tramonti (3° premio).

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.