La violenza contro le donne a Faenza e in Emilia Romagna: i numeri e le iniziative

La festa dell’8 marzo, Giornata internazionale della Donna, diviene occasione per riflettere sulla lotta alla violenza contro le donne. E i numeri in questo senso indicano che c’è ancora molto da fare. Nel corso del 2015 sono state 3.353 le donne che si sono rivolte alle tredici strutture che compongono il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna. Per quasi la totalità dei casi (91,1%), si tratta di donne vittime di violenza.

A Faenza negli ultimi due mesi 54 donne accolte

“In Italia – si legge in una nota stampa a cura del Coordinamento – il femicidio continua a essere una piaga sociale che vede uccisa dalla violenza maschile circa una donna ogni tre giorni. In Emilia Romagna, nel 2015 ben 6 donne sono morte uccise dai loro partner ed ex partner. Il territorio comprensoriale faentino – gestito dall’associazione Sos Donna – ha visto nell’ultimo anno 177 donne accolte, mentre dal primo gennaio 2016 a oggi, più di 54 donne si sono già rivolte all’associazione.

Continuano le violenze fisiche e psicologiche

Rispetto all’anno precedente le donne accolte nei centri dell’Emilia Romagna sono aumentate di 55 unità (+2%). Il leggero aumento nel numero complessivo delle donne accolte è dovuto principalmente all’aumento considerevole delle donne che continuano a svolgere un percorso nei centri dagli anni precedenti. Questo è stato possibile grazie al fatto che negli ultimi anni i centri antiviolenza si sono dotati di strutture più numerose e diversificate. Le donne accolte nel 2015 subiscono in larga maggioranza violenze fisiche (il 66,8%) e/o psicologiche (92,7%). Meno spesso violenze economiche (il 42,8%) ma soprattutto violenze sessuali (il 15%). Dati che rimangono pressoché invariati rispetto al 2014.

Sos Donna e Conad: una mimosa per combattere la violenza

Anche Faenza si unisce alle manifestazioni dell’8 marzo. Come negli anni precedenti il supermercato Conad La Filanda ospiterà durante la giornata dei punti informativi dell’associazione Sos Donna, Centro antiviolenza, per sollecitare e sensibilizzare la cittadinanza a una riflessione sulla violenza alle donne. “Conad sta con Sos Donna” è lo slogan che accompagnerà questo evento durante il quale le volontarie di Sos Donna distribuiranno la mimosa offerta alle loro clienti dallo stesso supermercato, fornendo inoltre eventuali informazioni sul Centro antiviolenza faentino (situato in via Laderchi 3, tel 0546 22060).

Sempre nella serata di martedì 8 marzo, alle ore 21.00, al cinema Sarti sarà proiettato il film “Mustang” di Deniz Gamze Ergüven (Francia, 2015). Prima della proiezione sarà inoltre offerto un buffet realizzato dalle volontarie dell’associazione Sos Donna.

Il Coordinamento dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna comprende:

• Casa delle donne per non subire violenza – Bologna
• Vivere Donna – Carpi
• SOS Donna Onlus – Faenza
• Centro Donna Giustizia – Ferrara
• Trama di Terre – Imola
• Demetra Donne in aiuto Onlus – Lugo
• Casa delle donne contro la violenza – Modena
• Centro Antiviolenza Onlus – Parma
• La Città delle Donne – Piacenza
• Linea Rosa Onlus – Ravenna
• Rompi il silenzio Onlus – Rimini
• Nondasola – Reggio Emilia
• Sos Donna – Bologna

Rispondi