Torna Il Post talk a Faenza: tra gli ospiti Francesco Costa e il collegamento con Ilaria Capua

Un’intera giornata da dedicare agli approfondimenti d’attualità, dello sport e dell’informazione in generale per passare ‘dal virtuale’ all’incontro diretto con i propri lettori e non solo. Il complesso degli ex Salesiani di Faenza torna a ospitare sabato 26 settembre, per la sua seconda edizione, Il Post Talk, l’evento a cura del direttore Luca Sofri che dalla mattina alla sera proporrà incontri e dibattiti di attualità e cultura aperti a tutta la cittadinanza. A causa dell’emergenza sanitaria la formula dell’evento – che ha il patrocinio del Comune di Faenza e il supporto tecnico dell’agenza Wap e Faventia Sales – è stata parzialmente rivista rispetto al 2019 e prevederà alcuni collegamenti in streaming con ospiti internazionali e l’obbligo di prenotazione per partecipare ai singoli incontri, che avranno inizio dalle ore 11, utilizzando anche gli spazi all’aperto della corte degli ex Salesiani.

I relatori de Il Post talk

Tra gli ospiti già confermati in questa edizione (il programma e il panel complessivo dei relatori è ancora in corso di definizione) figurano Lia Quartapelle, ex sottosegretario Pd ed esperta di relazioni internazionali, che tratterà il suo libro dedicato alla politica spiegata ai ragazzi e l’astronauta Samantha Cristoforetti in collegamento streaming che dialogherà con il giornalista scientifico Emanuele Minietti. Sarà in collegamento dalla Florida anche la nota virologa Ilaria Capua e poi Mauro Berruto; ex allenatore nazionale italiana di pallavolo. A Faenza arriverà anche lo scrittore Paolo Nori, esperto di letteratura russa. Torna inoltre, dopo l’evento dell’anno scorso, il racconto di Francesco Costa sulla politica americana in vista delle imminenti elezioni presidenziali.

Luca Sofri: “Riteniamo sia un format giusto, siamo contenti di ricominciare a Faenza”

Raccontare la realtà che cambia con un approccio divulgativo, proponendo sia temi cari a Il Post, testata giornalistica online ideata e diretta dal 2010 da Luca Sofri, sia altri che propongono riflessioni innovative contaminando tra loro ambiti differenti. L’idea è quella di tornare a vivere l’informazione e l’approfondimento giornalistico non solo a livello digitale ma anche con appuntamenti dal vivo, coinvolgendo così tutta la comunità di lettori. «L’anno scorso il primo evento di questo nuovo format, realizzato proprio a Faenza, andò molto bene – dichiara il direttore Luca Sofri – e ci tenevamo molto a riattivare questo progetto dopo il periodo del lockdown che ha inevitabilmente frenato la nostra proposta dopo aver avuto un felice inizio proprio con l’evento di Faenza. Inevitabilmente dovrebbe attivarci maggiormente per garantire la sicurezza e saremo inevitabilmente limitati in alcune proposte, ma riteniamo che la strada sia quella giusta e la nostra intenzione è quello di replicare questo format in tante altre città d’Italia, soprattutto le realtà più provinciali». Il Post talk propone poi approfondimenti sull’Unione Europea con Luca Misculin «un tema fondamentale e particolarmente interessante dal punto di vista giornalistico – spiega Sofri – Spesso subentra molta noia da parte dei lettori nell’affrontare questo tema: uno dei maggiori fallimenti dell’Ue è stata infatti la sua incapacità di raccontare e promuovere se stessa».

Tutti gli incontri si svolgeranno al complesso ex Salesiani a ingresso gratuito, ed è necessaria la prenotazione. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 0546 061945.

 

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.