“Sono Guido e non Guido”, il segreto di Guido Catalano al Ridotto

Nuovo appuntamento, mercoledì 28 marzo alle ore 21, con la nuova edizione de “Il Cinema della Verità”, rassegna dedicata al cinema documentario, al Ridotto del Teatro Masini di Faenza. In quest’occasione sarà proiettato il film Sono Guido e non Guido, diretto da Alessandro Maria Buonomo, che indaga la figura, svelandone anche alcuni misteri, di Guido Catalano, vero e proprio fenomeno letterario di questi ultimi anni.

Dietro un grande uomo… c’è sempre un grande uomo

La verità, tutta la verità, molto più che la verità su Guido Catalano. Guido Catalano non è Guido Catalano. Guido Catalano non è solo Guido Catalano. Guido Catalano è anche Armando Catalano. Guido Catalano “è il più grande poeta professionista vivente”: 20mila copie vendute; più di 100 live all’anno; uno stuolo di sostenitori, ma soprattutto di sostenitrici, in tutta Italia. Questo lo sanno tutti. Quello che quasi nessuno sa è che Guido Catalano ha un segreto, che questo segreto si chiama Armando e che Armando non è la segretaria personale del poeta. Armando non è neanche solo il fratello gemello di Guido: è il vero autore delle poesie che hanno reso famoso il fenomeno Guido Catalano. Armando è affetto dalla Sindrome di Kräftor, nota comunemente come Reversofonia, che lo fa parlare al contrario, rendendolo incomprensibile. Invece di dire “io sono Armando Catalano”, Armando dice “oi onos odnamrA onalataC”.

I due hanno così escogitato un sistema infallibile: Armando scrive, Guido declama. Ed entrambi fanno talmente bene il proprio mestiere da essere diventati il più grande poeta professionista vivente. Con questo film, il segreto di Guido e Armando viene riportato alla luce. Analizzando gli indizi disseminati nelle poesie e nei libri, il film ricostruisce la vita dei gemelli Catalano attraverso immagini di repertorio, testimonianze, interviste a colleghi, critici letterari, editori, amici e avversari. A partire dagli esordi punk adolescenziali sui palchi dei più foschi locali torinesi, per arrivare alle luci della ribalta televisiva e dei grandi live club della penisola. Come sono riusciti i due gemelli a tenere segreta la verità fino a questo momento? Qualcuno sa come stanno veramente le cose? Com’è la loro vita giù dal palcoscenico? Ma soprattutto: si sono mai scambiati di ruolo per concupire una donna?

“Il Cinema della Verità” 2018 è organizzato dal Comune di Faenza e Accademia Perduta/Romagna Teatri con il sostegno di MIC Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza e la collaborazione di Cineclub Il Raggio Verde, Cinemaincentro, Associazione D.E-R Documentaristi Emilia Romagna, Società Cooperativa di Cultura Popolare e Festival Internazionale del Cinema Documentario “Premio Marcellino De Baggis” di Taranto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.