Internazionalità, formazione, competenza: nasce Faenza Art Ceramic Center

Dai concorsi internazionali sulle tecniche ceramiche alle residenze d’artista passando per corsi di perfezionamento e workshop. Sono queste alcune delle iniziative promosse da Faenza Art Ceramic Center (FACC), associazione culturale che è nata a gennaio 2018 dall’esperienza di Passepartout Faenza e che vuole dare un nuovo slancio alle attività culturali del territorio legate all’arte e alla ceramica, con un occhio privilegiato verso alcune parole chiave come “internazionalità”, “formazione”, “competenza”.

Il nuovo centro si propone di sviluppare e diversificare le attività culturali e i servizi per avvicinare artisti o amatori a nuove competenze e idee legate al mondo della ceramica. Alla guida dell’associazione è stato riconfermato presidente, dopo l’esperienza dei nove anni di Passepartout, Gian Piero Merendi e per l’anno in corso sono previste già diverse attività culturali. «Rispetto all’esperienza di Passepartout, abbiamo deciso di puntare maggiormente sulla nostra identità ceramica. – spiega il presidente Merendi – Attraverso questa nuova associazione vogliamo avere uno sguardo ancora più internazionale, tanto nei corsi, coinvolgendo docenti dall’estero e ospitando diverse residenze d’artista, quanto nei concorsi, riproponendo il Ceramic&Colours Award che due anni fa vide la partecipazione di circa 180 ceramisti da tutto il mondo».

Dall’Olanda al Giappone: ecco le Residenze d’artista

Già in programma per il 2018 diverse residenze d’artista che vedranno ospiti a Faenza alcuni artisti internazionali come Paula Bastiaansen dall’Olanda (in arrivo tra agosto e settembre e che realizzerà una mostra al Mic), Rafa Pérez dalla Spagna e Kazuko Uga dal Giappone, che esporrà le proprie opere nel salone delle Bandiere del Comune di Faenza nel corso dell’”Ottobre giapponese”.

I corsi del Faenza Art Ceramic Center

Un centro di formazione unico nel suo genere: proseguono, anche con la nuova associazione, i corsi dedicati alle tecniche ceramiche coordinati dai docenti Giovanni Cimatti e Martha Pachon; nel 2017 sono stati oltre 200 gli iscritti, provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. E i numeri sono in costante crescita. «Vogliamo fare di Faenza Art Ceramic Center un punto di riferimento per la formazione ceramica – spiega Merendi – coinvolgendo anche docenti e artisti internazionali per approfondire tecniche specifiche e per ampliare le competenze sull’impiego di nuovi prodotti, alcuni dei quali sviluppati nel laboratorio di Ceramic&Colours. Per questo abbiamo intenzione di estendere le nostre proposte a corsi di più lunga durata, rivolgendoci non solo agli appassionati e ai ceramisti italiani, per i quali questi workshop rappresentano occasioni di confronto uniche, ma anche a un’utenza internazionale». I corsi – da quelli base a quelli avanzati – si svolgono nella sede dell’associazione, a Faenza, in via Pana 34/1, i programmi sono consultabili sul nuovo sito dell’associazione.

Ceramic&Colours Award 2^ edizione: i premiati ad Argillà Italia 2018

Il Faenza Art Ceramic Center ha indetto la seconda edizione del “Ceramic&Colours Award”: la scadenza per inviare la documentazione di partecipazione è il 20 aprile 2018 e il bando del concorso è consultabile sul sito di FACC. Un concorso internazionale aperto a tutti i ceramisti che vogliano cimentarsi con una tecnica particolare “Cristalline a grosso spessore” e che vedrà i vincitori premiati nel corso della prossima edizione di Argillà Italia, che si terrà a Faenza dal 31 agosto al 2 settembre 2018.

Attenzione all’internazionalità ma anche al proprio territorio. Faenza Art Ceramic Center ha ricevuto il patrocinio del Comune di Faenza, AiCC – Associazione italiana Città della Ceramica, Mic – Museo internazionale delle Ceramiche. «La nostra esperienza – conclude Merendi – si è sviluppata grazie alla collaborazione con gli altri enti del sistema ceramico faentino, facendo un grande lavoro di squadra assieme alla direttrice del Mic, Claudia Casali, al presidente e al segretario AiCC Massimo Isola e Giuseppe Olmeti. Ognuna di queste istituzioni ha una propria specificità e grazie al confronto reciproco si possono avere ricadute positive per tutto il territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.