Il nuovo album dei De Luca presentato a Modigliana: storie di ragazzi di strada

In uscita il nuovo disco omonimo album dei De Luca che verrà presentato in anteprima venerdì 18 agosto a Modigliana nell’ambito del festival Strade Blu, in collaborazione con Disparte e l’associazione Amici di don Giulio. I fratelli Enrico e Andrea De Luca sono sono i fondatori dei Radiocity, band storica di Bologna degli anni ‘80. Sobborghi il loro secondo LP raggiunge i primi posti nelle classifiche delle etichette indipendenti italiane. Il nuovo album è composto da undici brani originali – musiche di Enrico, testi di Andrea – registrati tra febbraio e marzo 2016 al Plug-out Studio di Denis “Mitchell” Valentini, missati da Ivano Giovedì, per la produzione regia di Antonio Gramentieri, e la partecipazione di Denis Valentini, Diego Sapignoli e Francesco Valtieri (Edizioni Strade Blu Factory – Distribuzione Audioglobe). Il concerto si terrà alle ore 21.30 nel piazzale antistante Ex Filanda.

Il nuovo album ispirato alla storia di Mike, ragazzo fuggito dalla Libia in guerra

«Un anno fa abbiamo conosciuto Mike – racconta Andrea de Luca – un quattordicenne grande come una montagna. La sua era una storia da raccontare: scappato dall’Africa dopo che i genitori erano scomparsi nei giorni della rivolta in Libia. Durante l’iscrizione a scuola, alla domanda: “da dove vieni?” faceva il gesto delle dita che camminano sul tavolo! Non sapeva una parola d’italiano, e capimmo che era arrivato da noi a piedi! Ispirandoci a lui abbiamo scritto un testo che racconta di un ragazzo che ha come padre il sole (scotta quando cammina sulla sabbia), come sorella la mezzanotte (i suoi rintocchi lo aiutano a non prendere sonno durante il viaggio), come fratello la guerra (che contrappone alla terra che lui conosce bene perché attraversata tutta a piedi). Da questo episodio abbiamo pensato di allargare il racconto a tante di quelle storie che abbiamo ascoltato negli anni e ascoltiamo oggi dai nostri studenti di scuola, come quella di Mike appunto o di Daniel che viene da Bucarest, di Jon che ha i capelli blu, di Milo che corre in scooter, di Mo’ che ama, cosi anacronisticamente la pop art!».

La storia dei De Luca: musica, educazione, pittura

I fratelli Enrico e Andrea de Luca sono legati all’esperienza musicale dei Radiocity, band storica di Bologna da loro fondata negli anni ‘80. I De Luca presenziano nell’86 alla biennale di Salonicco come rappresentanti della musica italiana all’estero. Nel ’91 vincono come miglior gruppo live al City Square di Milano il contest J&B Talentscout che procura loro un contratto (inadempiuto) con la CGD. Collaborano con Massimo Bubola (De André), e partecipano agli Show televisivi Roxy Bar ed Help, ideati da Red Ronnie. Nel ’98 autoproducono il concept album Nevica in Nebraska poi nel 2003 Neuropa che segna l’incontro con Vince Pastano (Vasco Rossi) e dello stesso periodo è la collaborazione di Andrea col vecchio amico di band Federico Poggipollini (Ligabue) in veste di coautore dei suoi album. La loro canzone Bologna e Piove viene presentata a Top of the Pop nel 2012.

Andrea De Luca partecipa a programmi televisivi come Dietro le quinte e Buongiorno regione (Rai 3) e nel 2014 scrive l’album solista Via direttissima 2 e 1/3, che e si aggiudica il plauso della critica indipendente. Nel 2015 Andrea che in parallelo porta avanti da sempre l’attività di pittore vince il premio più ambito per l’arte pittorica italiana, aggiudicandosi la Biennale d’Arte Internazionale di Roma. Enrico e Andrea hanno un passato da educatori di strada, Andrea è attualmente tutor psicopedagogico di un centro di formazione. Nei testi dell’ultimo disco De Luca (2017) raccontano le storie più interessanti e più toccanti di alcuni dei loro ragazzi di scuola.

Rispondi