Faenza, nessun nuovo contagio di Covid 19, il totale fermo a 111 (ma il 20% già guariti)

Continua a offrire notizie positive il bollettino giornaliero sul Coronavirus a Faenza. Nella giornata di mercoledì 8 aprile 2020 non s’è registrato alcun nuovo caso, mentre nei precedenti tre giorni erano stati solo cinque i casi di Covid 19 segnalati. Complessivamente dall’inizio dell’epidemia a Faenza si sono registrati 111 casi positivi al virus, con purtroppo sette decessi. «È bello poterlo scrivere: oggi non risulta nessun nuovo contagio a Faenza – afferma il sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi – Nessuna famiglia in queste ore sta vivendo l’angoscia per la salute di un proprio congiunto contagiato e l’ansia di poter essere, a loro volta, positivi. Un sollievo! Non per smorzare l’entusiasmo, ribadisco però quanto detto ieri. I laboratori di analisi stanno smaltendo un grandissimo numero di tamponi, per fortuna anche quelli (in costante aumento) che accertano avvenute guarigioni; pertanto, è probabile che nei prossimi giorni ci siano nuovi rialzi. In ogni caso è un fatto positivo il numero zero di oggi che rafforza la fiducia».

Circa 25 faentini già clinicamente guariti dal Coronavirus

Confortano, comunque, i dati complessivi degli ultimi quattro giorni che hanno visto solo 5 casi in totale, così come il numero dei guariti. «Non dispongo del numero delle persone dichiarate clinicamente guarite – aggiunge il sindaco – ma lo reputo attorno al 20% del totale. Le altre persone sono prevalentemente in isolamento domiciliare, salvo i casi più impegnativi ricoverati in Ospedale. I faentini tuttora in quarantena sono circa 190, mentre per 169 di loro è già terminato il periodo di quarantena». In tutta la Romagna Faentina, si è registrato oggi un solo caso, a Castel Bolognese, che porta il totale a 20; mentre restano confermate le cifre dei giorni scorsi per Riolo Terme (8), Brisighella (6), Solarolo (5), Casola Valsenio (2).

In provincia di Ravenna 8 nuovi casi di Covid 19

A Ravenna purtroppo oggi si è registrato un nuovo decesso e otto nuovi casi di contagio (a livello provinciale): di cui quattro a Ravenna, due a Lugo, ecc. Per il settimo giorno consecutivo i dati regionali sono in discesa, calano soprattutto i ricoverati nelle terapie intensive e crescono le persone guarite. Per quanto riguarda la Regione, sono 18.234 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 409 in più rispetto a ieri. E sono 78.367 i test effettuati, 3.176 in più. La crescita dei positivi è del 2,3%, leggermente più alta di ieri, ma sempre in un quadro di dati molti incoraggianti. I più incoraggianti senza dubbio sono la crescita molto forte del numero dei guariti, la costante diminuzione dei casi gravi.

Malpezzi: “Per evitare il disastro, aspetti sanitari ed economici vanno tenuti insieme”

«Oggi pomeriggio – continua Malpezzi – il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha preannunciato una serie notevole di nuove misure per oltre 200 milioni di euro. Innanzitutto, per far fronte ai bisogni più immediati delle persone, di intere categorie in ginocchio che rischiano di non rialzarsi e di profili professionali senza ammortizzatori sociali. Inoltre sono previste risorse per gli enti locali, a favore ad esempio dei soggetti i cui servizi pubblici sono stati sospesi (gestori di asili, aziende di trasporto scolastico ecc…) e numerosi investimenti per far ripartire economia e occupazione. La Regione sta gestendo l’emergenza quotidiana, ma inizia anche a guardare avanti. Fa bene. Non è questione di privilegiare il dato economico rispetto alla tutela della vita. Ma è la consapevolezza che – per evitare il disastro – i due aspetti vanno tenuti assieme». Inoltre sono stati stanziati 65 milioni di euro a favore dei medici, infermieri e operatori sanitari emiliano-romagnoli. Circa mille euro in più a testa, una tantum, in busta paga. U

Il sindaco ha poi ricordato che l’ufficio Inps di via Mengolina è chiuso al pubblico. Tutte le informazioni vengono fornite solo telefonicamente. Presentarsi di persona, oltre a essere inutile, non è valido motivo per l’autodichiarazione dello spostamento.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.