Contro gli stereotipi, promuovere a scuola le materie scientifiche senza pregiudizi di genere

Promuovere la cultura delle materie scientifiche tra i giovani per far sì che la scelta universitaria faccia seguire le proprie competenze e non gli stereotipi di genere. Sono stati tre gli istituti scolastici faentini e 101 le studentesse e gli studenti coinvolti da Librazione nel progetto Stem Route, il percorso ideato con lo scopo di stimolare l’apprendimento delle materie Stem (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) e favorire una maggiore consapevolezza delle proprie attitudini soprattutto tra le giovani donne. Nei mesi tra febbraio e giugno 2021 i partecipanti del progetto hanno lavorato insieme alle professioniste di Librazione e a diverse figure femminili provenienti da aziende del territorio impegnate in campo scientifico e che hanno sostenuto il progetto: Enea, Certimac e Vem Sistemi.

In tutto 101 partecipanti faentini al progetto di Librazione

Ragazze e ragazzi hanno potuto così conoscere e interagire con chimiche industriali, ingegnere e tecniche informatiche che hanno raccontato le proprie esperienze personali e percorsi professionali. All’interno del percorso i partecipanti hanno assistito anche a testimonianze incentrate sull’impari opportunità presenti nel mondo del lavoro insieme alla consigliera regionale di Parità, Sonia Alvisi, e hanno lavorato sul tema della comunicazione come strumento per promuovere tra i giovani lo studio delle materie Stem. È stata così realizzata una campagna di comunicazione fatta di manifesti e slogan che hanno lo scopo di promuovere lo studio delle materie Stem tra i giovani che verranno inviati a tutte le scuole medie e superiori del territorio. Oltre ai manifesti è stato realizzato un allestimento alla libreria Moby Dick con una selezione di libri e saggi dedicati alla promozione delle materie scientifiche. Il progetto, patrocinato dal Comune, è stato finanziato dal Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.