I club faentini in scena al Masini per regalare nuove poltrone al Teatro

Parafrasando un vecchio spettacolo di Garinei e Giovannini: “aggiungi una poltrona.. al Masini”. Torna nel teatro faentino l’appuntamento annuale con lo spettacolo della compagnia teatrale “Club alla Ribalta”, che andrà in scena sabato 1 aprile alle 21. La compagnia di attori non professionisti, formata dagli associati di Lions e Lioness Club, Rotary Club, Round Table, Club 41 Faenza 32 e Riunione Cittadina, da tre anni sta portando avanti questa iniziativa di raccolta fondi a sostegno dello stesso Teatro Masini. Il titolo dello spettacolo di quest’anno è “Scherzo di una notte… del 1° Aprile” e l’incasso sarà destinato a finanziare il recupero di alcuni arredi del Masini, in particolare delle poltrone: sarà così possibile godersi nella maniera migliore gli spettacoli in scena in uno dei teatri neoclassici più belli d’Italia.

La virtuosa collaborazione tra club faentini e Teatro Masini

Gli incassi degli anni precedenti hanno contribuito a sostenere i lavori di restauro del Ridotto del teatro, con conseguente ampliamento dell’offerta culturale per la cittadinanza e il recupero di un bene culturale di prestigio. Dopo “Opera di Disturbo, i Club alla ribalta” del 2015 e il Gran Varietà messo in scena con la Metallurgica Viganò del 2016, i venti associati dei club faentini svestiranno i panni da professionisti per indossare quelli di provetti attori comici in “Scherzo di una notte… del 1° Aprile”, scritto e diretto da Tiziana Asirelli – designata dagli stessi club per la creazione dell’evento. La regista ha raccontato il grande impegno e la dedizione dei venti attori amatoriali, che sono impegnati nelle prove dello spettacolo dal dicembre scorso, superando l’ostacolo della poca familiarità con il palcoscenico. Il direttore artistico del teatro, Ruggero Sintoni, ha invece sottolineato l’importanza di questa iniziativa che può contare sulla collaborazione reciproca dei cinque club faentini. I biglietti per lo spettacolo sono in vendita alla farmacia Sansoni.

Rispondi