Buongiorno Ceramica!: al via la festa tra botteghe, studi d’arte e visite guidate

Tutto pronto per la quarta edizione di Buongiorno Ceramica!, progetto nazionale promosso da AiCC (Associazione Italiana Città della Ceramica) che avrà luogo a Faenza i prossimi 19 e 20 maggio. La manifestazione mantiene la stessa formula delle prime due edizioni, coinvolgendo 40 città di antica tradizione ceramica in Italia, con botteghe, laboratori e aziende ceramiche, artigiani e artisti, musei e operatori della ceramica impegnati nell’organizzazione di eventi, mostre e aperture straordinarie.

Il racconto di una città e della sua identità attraverso l’artigianato locale

A Faenza la manifestazione prosegue anche in questa edizione sullo stesso format dell’anno precedente: un programma articolato con l’obiettivo di valorizzare botteghe, artigiani e artisti della ceramica e di far conoscere al pubblico questi luoghi ricchi di fascino in cui quotidianamente si produce ceramica. “La ceramica e l’artigianato locale rappresentano il cuore di un processo di costruzione d’identità del territorio – spiega il vice sindaco e assessore alla cultura Massimo Isola – un cuore dentro ad un corpo che è la città e che partecipa anch’essa a questa costruzione. Le botteghe rappresentano 22 punti luce che raccontano questa storia”. Buongiorno Ceramica cade quest’anno negli stessi giorni di Distretto A Weekend (18-19-20 maggio), progetto con cui è in atto una collaborazione, a partire dal fatto che alcuni spazi sono presenti in entrambi gli eventi.

Buongiorno Ceramica!: 22 spazi aperti al pubblico, percorsi e laboratori

Sabato 19 e domenica 20 maggio il pubblico potrà andare alla scoperta di botteghe e laboratori ceramici faentini, con 22 spazi aperti al pubblico ed eventi, dimostrazioni di tornio, decorazione, cottura ceramica e laboratori pratici in cui bambini e adulti potranno cimentarsi nella lavorazione dell’argilla. Tanti gli appuntamenti, tra cui una colazione in bottega (La Vecchia Faenza) e diversi laboratori ceramici, organizzati da Arte49 Creazioni d’arte, Fosca Boggi, La bottega di Gino Geminiani, Mabilab di Ivana Anconelli (Spazio Permanente Metodo B. Munari), Bottega Mirta Morigi & Girls. Presenti anche alcuni spazi produttivi storici, come il laboratorio storico di Leandro Lega (che ospiterà Ombre Colorate, mostra di Mirko Donati e Serena Boccanegra della Bottega d’Arte Gibigiana, Venezia) e la sede-museo di Ceramica Gatti 1928; mentre alla Mi.MO Gallery sarà possibile visitare la mostra dedicata al 50esimo anniversario del Premio Europa a Faenza, con opere dei ceramisti faentini e inaugurata il 5 maggio scorso.

Le novità 2018: apertura straordinaria della Fabbrica Ferniani, mostra Isia e open day all’Its

Oltre ai percorsi tra le botteghe cittadine, che rappresentano il cuore di una città dedita a questa nobile arte, si aggiunge quest’anno una riapertura speciale, quella della Fabbrica Ferniani: un salto nella produzione ceramica faentina tra Settecento e Ottocento, con una collezione-museo di ceramiche che sarà possibile visitare prenotandosi alla Pro Loco. Inoltre, per la prima volta, aderiscono a Buongiorno Ceramica! anche l’ISIA di Faenza con una mostra di 15 studenti a cura di Andrea Anastasio, e il Corso ITS (Corso Biennale di Tecnico Superiore per sostenibilità, sviluppo, design del prodotto ceramico) con visita guidata alla scuola e laboratori. Partecipano a Buongiorno Ceramica anche i musei della ceramica: MIC Museo Internazionale delle Ceramiche, Museo Carlo Zauli e Museo Tramonti. Si rinnova anche la partecipazione del Museo Diocesano, con la visita guidata “Per le vie del centro: immagini di protezione celeste”, a cura di Michela Dal Borgo.

 

L’aperitivo del ceramista tra musica, danza e convivialità

L’appuntamento conclusivo della manifestazione sarà quello con l’atteso Aperitivo del Ceramista di domenica 20 maggio alle ore 18.00 in Piazza Nenni (già della Molinella), che per la prima volta si sposta dal venerdì alla domenica. A riempire i bicchieri in ceramica, realizzati per l’occasione da 29 tra botteghe ceramiche e ceramisti faentini, sarà il vino dei produttori del territorio offerto da Associazione Torre di Oriolo, che curerà anche l’aperitivo. Accompagna la serata l’intervento musicale del Gruppo Ottoni della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza, diretto da Monica Albertazzi e Damiano Drei. L’anteprima dell’Aperitivo del Ceramista si terrà alle ore 17.00, nei suggestivi spazi del Ridotto del Teatro Masini, con il Gran Défilé di Danza, a cura di Dance Studio Faenza, con l’accompagnamento al pianoforte del Maestro Filippo Pantieri (coreografie di Luna Ronchi, Simone Lolli e Giovanni Napoli).

 

(Ph. Antonio Veca)

Rispondi