A Brisighella oltre 2mila turisti a giugno, ma tutta la collina faentina sorride

Estate all’insegna della vacanza rurale e agricola con turisti in netto aumento negli agriturismi del faentino. Le prime stime estive, dopo un giugno-luglio baciato dal sole, e in particolare le prenotazioni di agosto, evidenziano l’interesse crescente per la collina romagnola, per la campagna e i suoi prodotti. D’altronde l’agricoltura è cibo e il cibo è anche turismo: a evidenziare la forza di questo legame le presenze turistiche in crescita sul territorio e negli agriturismi Campagna Amica-Coldiretti. In giugno, rispetto a un anno fa, gli arrivi a Casola Valsenio sono aumentati ad esempio del 30% e i pernottamenti del 43% con un aumento di presenze straniere del 200%; a farla da padrone tra i comuni collinari è comunque Brisighella dove a giugno, sulla base dei dati pubblicati dall’Ufficio Turismo e statistica della Regione, sono arrivati oltre 2.000 turisti (+49%) con una crescita dei pernottamenti (in totale 4.644) che sfiora il 45%. Numeri importanti anche su Riolo Terme, dove le presenze crescono del 70% e i pernottamenti del 30,4%.

In crescita il turismo straniero sulle colline romagnole

Le aziende agrituristiche delle colline del faentino, con il loro carico di tradizione enogastronomica rigorosamente a km zero, sono infatti tra le mete preferite dai turisti, molti italiani, provenienti in particolare dal nord e centro Italia (Piemonte, Lombardia, Liguria, Lazio, Abruzzo) e anche tanti stranieri provenienti dal Nord Europa, dalla Germania, Francia, Svizzera, Austria, Spagna, Inghilterra e persino da Corea del Sud e Sudamerica. Molto apprezzati dai visitatori, oltre al cibo, i servizi – dalla piscina al maneggio fino al wellness – ma anche l’innovazione, con proposte ad hoc per appassionati di trekking e di percorsi naturalistici, come la passeggiata romantica sui ‘calanchi’ di Brisighella.

Tra le novità 2017 la “palafitta” di Castagnolo

La palafitta dell’agriturismo Castagnolo di Casola Valsenio.

Restando in tema di cucina e quindi di gastronomia, spicca ad esempio l’ultima trovata dell’agriturismo Castagnolo di Casola Valsenio che ha realizzato un piccolo e romantico angolo per una cena sotto le stelle e nel verde secolare della grande quercia che domina la tenuta. Si tratta di una palafitta sospesa, una ‘casa sull’albero’ riservata alle coppie (ma se volete fare una sorpresa alla vostra amata o al vostro amato affrettatevi perché per la location, inaugurata poche settimane fa, è corsa alle prenotazioni).

E’ possibile se no festeggiare San Lorenzo all’insegna della tradizione enogastronomica anche l’agriturismo Tenuta Nasano di Riolo Terme, proponendo giovedì 10 giugno ‘calici sotto le stelle’ e osservazione del cielo sdraiati sulle balle di paglia. Un fattore di successo degli agriturismi del circuito Campagna Amica è infatti la possibilità per i visitatori di degustare e acquistare direttamente sul posto eccellenze locali a chilometri zero, quindi conoscendo produttore e processi produttivi. Così facendo, oltre ad ottimizzare il rapporto prezzo/qualità, il turista può comprendere e toccare con mano la storia, la cultura e le tradizione che racchiude il prodotto stesso. In molti casi, peraltro, alla vendita si accompagna la possibilità di assaggi e degustazioni guidate nelle cantine e nei frantoi. Da segnalare anche il successo riscontrato da un’offerta gastronomica unica e variegata. Ideale, ad esempio, per vivere in compagnia il Ferragosto, il rito della braciolata, che a Brisighella, all’agriturismo Corte dei Mori, viene ovviamente realizzata con carne di mora romagnola.

L’app di Coldiretti

Di fronte a una offerta così vasta è nata l’App Coldiretti “Farmersforyou” per mettere in connessione gli imprenditori agricoli con i connazionali e con i cittadini di tutto il mondo che intendono acquistare prodotti o dormire nelle nostre aziende agricole. Scaricando e utilizzando la App è possibile scegliere gli agriturismi dove poter soggiornare nei più bei paesaggi della campagna, ma anche trovare i mercati di Campagna Amica, le fattorie, e le botteghe dove poter acquistare il vero made in Italy agroalimentare.

Rispondi